Gilet gialli contro colletta Notre-Dame

Share

Primi scontri anche a Bordeaux, dove i gilet gialli si sono radunati alla Place de la Bourse, prima che il corteo partisse, scortato dalle forze dell'ordine, per evitare che entrasse nel centro della città. Gli scontri tra i cosiddetti casseur e gli agenti sono esplosi nei pressi della Bastiglia. Cassonetti e materiale di cantiere sono stati dati alle fiamme, auto danneggiate e oggetti lanciati contro gli agenti, che hanno risposto con lacrimogeni.I gilet gialli questa volta non hanno potuto manifestare vicino alla cattedrale di Notre Dame, devastata dal violento incendio dei giorni scorsi.La manifestazione, partita da Bercy, si era svolta inizialmente in un clima di calma. Dopo settimane di stallo, i leader del movimento si aspettano ora un "rilancio primaverile" delle proteste, anche sulla scia delle polemiche per le donazioni milionarie per la ricostruzione della cattedrale. Squadre di agenti intervengono a ripetizione dove ci sono tentativi di saccheggio o danneggiamenti. "Milioni per Notre-Dame, e i poveri?". Qualche scritta anche a favore di Julian Assange. Decine gli scooter dati alle fiamme e gettati al centro del boulevard Richard Lenoir e della rue du Faubourg du Temple. L'aria è diventata irrespirabile in tutto il quartiere per la gran quantità di gas lacrimogeni e per il denso fumo nero che si alza dai veicoli in fiamme.

Oggi il presidente francese Emmanuel Macron ha ricevuto il ministro degli interni Christophe Castaner e ha pranzato con lui al Palazzo dell'Eliseo per fare il punto sulla nuova giornata di mobilitazione.

Charlize Theron rivela: "Mio figlio si è dichiarato femmina a tre anni"
Sono nate come sono e in un mondo in cui possono trovare se stesse mentre crescono, e non tocca a me decidere chi vogliono essere. Già l'anno scorso, l'attrice aveva lasciato intendere - in un'intervista a Access - di considerare Jackson una ragazza .

I manifestanti, stando alle autorità, sono 9.600 in tutta la Francia, 6.700 dei quali soltanto a Parigi. È toccato a McDonald's, poi al magazzino Go Sport (materiale sportivo prelevato dalle vetrine e lanciato verso la folla festante), quindi a un negozio di cellulari.

La prefettura della polizia di Parigi ha reso noto che oggi alle 3.30 erano 126 le persone fermate ed oltre 11mila i controlli effettuati dal massiccio dispositivo di agenti schierato per il 23esimo sabato di proteste dei gilet gialli.

Share