Champions, Messi: "Altro Triplete? Andiamo passo dopo passo. Ogni rivale è ostica"

Share

Lo stadio ovviamente è il magico Camp Nou di Barcellona.

Serata di verdetti in Champions League, con la prima ondata di quarti di finale che premia alle semifinali Barcellona e Ajax e mette in archivio l'eliminazione di Manchester United e Juventus. Nulla di strano, penserete, altro non fosse che Leo non segnava nei quarti della competizione dal lontano 2013: un digiuno insostenibile per il fuoriclasse blaugrana, tabù spezzato davanti al proprio pubblico dove il Barça non perde da 31 incontri in Europa. Nella ripresa arriva anche il 3-0, con un fantastico destro a giro da fuori area di Coutinho, che dopo il gol non resiste a un gesto polemico nei confronti del pubblico. Gol di Messi che lievitano a 110 in Champions, bottino distante dal rivale Cristiano Ronaldo estromesso dalla strada verso il Wanda Metropolitano. Avvio di gara che premia proprio i Red Devils, d'altronde bastano meno di 40 secondi a Rashford per scheggiare la parte superiore della traversa.

Torino, Cairo: ?Arbitraggio squilibrato, è stata un?ingiustizia?
Io non so cosa abbia detto Zaza per meritarsi l'espulsione, ma so cosa ha detto Barella che ha mandato a quel paese l'arbitro. Ma questo non vuol dire: "non è che per forza debba sempre andare in un modo negativo".

Lionel Messi ancora protagonista: la Pulce al 15' porta in vantaggio i suoi con un gioiello, al 20' raddoppia grazie a una papera di De Gea. Bisogna tuttavia aspettare il secondo tempo per assistere al tris dei catalani, che fanno centro con il brasiliano Coutinho, che batte De Gea - questa volta incolpevole - con una conclusione precisa e potente che manda il pallone sotto l'incrocio dei pali.

Share