Salvini: sono nuovamente indagato, ma porti rimangono chiusi

Share

Nell'inchiesta per sequestro di persona aperta dalla Procura di Catania sui presunti ritardi nello sbarco della Sea Watch nel capoluogo etneo oltre al ministro Salvini sono indagati anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il vice premier Luigi Di Maio e il ministro Danilo Toninelli. Queste le parole con cui il ministro dello Sviluppo Economico, parlando a Dubai, ha commentato l'indagine a carico dell'altro vicepremier. "Sono indagato, ma non mi sento Napoleone" ha detto il capo politico del Movimento 5 Stelle, sottolineando che "questo è un momento molto importante per il nostro Paese, quindi lavoriamo con il massimo del supporto". "Gli altri ministri possono dire quello che vogliono". "Non cambio idea e non cambio atteggiamento". A lui, in prima istanza, i giudici del tribunale di Catania chiederanno per ordine di chi la Sea Watch fu matenuta per tanti giorni fuori dal porto di rifugio di Siracusa, dove era stata fatta attraccare per ripararsi dal maltempo. Il vicepremier del Carroccio ha poi spiegato di aver ricevuto notizia dal pm Zuccaro della Procura di Siracusa dell'invio al Tribunale dei ministri degli atti del procedimento penale per i reati previsti dagli articoli 81, 110 e 605 (sequestro di persona) del codice penale riguardanti, a quanto si apprende, il caso Sea Watch 3, commessi dal 24 al 30 gennaio. Avrà 90 giorni di tempo per decidere, e la sua deliberazione non è impugnabile se accoglierà l'archiviazione. Nel caso dovesse invece sollecitare l'autorizzazione a procedere, invece, della richiesta dovrà occuparsene il Parlamento: Palazzo Madama nel caso del senatore Toninelli e di Conte, che non è stato eletto, e la Camera per il deputato Di Maio.

Sul caos in Libia e il pericolo di una nuova emergenza sbarchi Di Maio ha detto che il governo "non permetterà mai che 800 mila migranti arrivino in Italia".

Disney+ streaming, come funziona?
Per tirare delle somme in termini di denaro vi basti sapere che quel 2% si trasformano in circa 3,2 miliardi di dollari persi. Insomma, le premesse lasciano presagire che sarà un anno complicato per Netflix , complicato ma non per questo disastroso.

Questa mattina, in un'intervista al Corriere della Sera, lo stesso Di Maio era però apparso abbastanza critico nei confronti delle strategie scelte da Salvini per fronteggiare l'immigrazione.

Share