Alan Kurdi, nessun immigrato in Italia. L'annuncio di Malta

Share

"Tutti i 64 migranti dal bordo Alan Kurdi sbarcheranno e saranno distribuiti tra la Germania, la Francia, il Portogallo e il Lussemburgo grazie alla cooperazione effettiva tra la Commissione Europea e Malta".

Il governo maltese ha autorizzato lo sbarco dei 62 migranti a bordo della nave tedesca Alan Kurdi bloccata da più di una settimana al largo della costa.

Lampedusa, sbarcano 70 migranti. I migranti della nave sono stati salvati al largo della costa libica il 3 aprile. In una nota pubblicata su Twitter, il ministero dell'Interno tedesco ha evidenziato di aver "alzato il proprio livello di accoglienza" nella circostanza. "E' stata trovata una soluzione affinché la situazione non peggiorasse ulteriormente, ma mettendo anche in chiaro che Malta non può continuare a sostenere questo fardello". Salvini ovviamente gongola e sulla sua pagina Facebook non ha perso occasione per parlare di "ottime notizie" e promesse mantenute. "Come promesso, nessun immigrato di questa nave di Ong tedesca arriverà in Italia, andranno in Germania e altri Paesi".

MotoGP, ritirato definitivamente il 69 di Nicky Hayden
I primi successi di Hayden arrivarono nel 2003 quando conquistò il podio come esordiente e nel 2005 vinse il suo primo Gran Premio.

Nel frattempo la nave Mare Ionio, quella che Salvini e Meloni dicevano - compiacendosene - fosse stata sequestrata, ha ripreso a navigare dal porto di Marsala, per un'altra missione nel Mediterraneo, per salvare altre vite in mare. La vicenda della Alan Kurdi rafforza la collaborazione tra Italia e Malta contro i trafficanti di esseri umani: non possiamo essere lasciati soli a fronteggiare sbarchi e trafficanti di esseri umani.

Che fine hanno fatto le persone che sono dentro la nave Alan Kurdi, da alcuni giorni in balia di se stessi senza una risposta su dove approdare? "Noi e Malta siamo stati i primi a dirlo, e ora se ne accorgono in tutta Europa", continua Salvini.

Share