Mps: Morelli, rimessa in cammino banca

Share

123-ter del Decreto Legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 ("Testo Unico della Finanza"), ed il piano, ai sensi dell'art.

Il rallentamento dell'economia italiana, con un incremento del Pil 2019 stimato del +0,2% nel Def contro il +1% originariamente previsto, complica il percorso di risanamento di Banca Mps: lo ha ammesso Marco Morelli, amministratore delegato della banca, in occasione della presentazione della Dichiarazione non finanziaria dell'istituto senese.

Dopo il "golpe" si dimette anche il capo dei servizi segreti
L'imam che guidava la preghiera era avvolto in una bandiera del Sudan . Il capo dei servizi segreti sudanesi, Salah Gosh , si è dimesso.

Nel valutare i risultati conseguiti da Mps nel 2018 Morelli invita tutti, incluso il Tesoro, a ricordarsi delle condizioni in cui si trovava Mps alla fine del 2016, quando è stata salvata dallo Stato. Su quest'ultimo fronte, ha spiegato, dopo che la banca aveva perso 28 miliardi di euro di risparmi nel 2016 e nel 2017 aveva cercato di recuperarli remunerandoli "molto sopra la media di mercato", "l'obiettivo del 2018 è stato quello di stabilizzare e abbattere il costo della raccolta".

Mps ha iniziato già "lo scorso settembre" le riflessioni strategiche che includono anche possibili aggregazioni. E' quanto ricorda il cda di Mps in una risposta scritta agli azionisti in occasione dell'assemblea dei soci che si svolge oggi a Siena. Guardando a come è andata la banca nell'intero 2018, l'AD ha parlato di una banca che "si è rimessa in moto". "Sono a favore di un'azione di responsabilità nei confronti della vecchia governance perché non è difficile gestire una banca facendo aumenti di capitale a ripetizione che non si capisce bene a cosa siano serviti". "Non possiamo legare due gestioni diverse, ogni governance risponde del proprio operato".

Share