Wikipedia oscurata contro la riforma europea del copyright

Share

Siae, che conta novantamila associati, ritiene sia doveroso per un Paese civile proteggere il diritto degli autori di vedere riconosciuta la proprietà della loro produzione. Oltre alla versione italiana, sono state oscurate oggi quelle in catalano, gallego asturiano, mentre nella giornata di sabato 23 marzo si sono svolti in tutta Europa cortei di protesta contro le restrizioni alla Rete aperta introdotte dalla Direttiva. , perché vi sarebbe la necessità di ottenere delle risorse da impiegare elevate per ottenere i soli diritti di pubblicazione dei contenuti o anche per monitorare quelli già online.

Nel testo si legge: "Il 26 marzo il Parlamento europeo voterà su una nuova direttiva sul diritto d'autore". La direttiva darà agli editori il potere di limitare la diffusione di notizie e titoli in ogni sito altrui (articolo 11). Costringerà inoltre quasi tutti i siti ad analizzare preventivamente ogni contributo dei propri utenti per bloccarli automaticamente se non autorizzati dalle industrie del copyright (articolo 13).

L'enciclopedia libera più popolare del web per la giornata di oggi non sarà accessibile e collegandosi alla home page si visualizzerà un messaggio attraverso cui la Wikimedia Foundation invita gli utenti a contattare un rappresentante al Parlamento Europeo per spingerlo a non votare a favore della direttiva.

Oggi lo sciopero del trasporto aereo, a terra quasi 100 voli dell’Alitalia
Questo vuol dire che chi aveva un biglietto su un volo cancellato per lo sciopero, partirà comunque nella giornata di domani.

Wikipedia Italia si spegne per un giorno.

Entrambi questi articoli rischiano di colpire in modo rilevante la libertà di espressione, la partecipazione e la creatività online. Nonostante Wikipedia possa non essere direttamente toccata da queste norme, il nostro progetto e' parte dell'ecosistema di Internet. In particolare, secondo i sostenitori di Wikpedia, sono particolarmente nocivi due articoli, l'11 e il 13. Un messaggio che si aggiunge al fronte dei no sulla riforma apertamente esternati da aziende come Google, YouTube ma anche PornHub.

Wikipedia, in questo caso, rimanda agli utenti il fatto di contattare un eurodeputato facendo sentire la propria voce e sottolineando la volontà di non approvare i due articoli della riforma. Approvata lo scorso settembre dal Parlamento Europeo, la riforma è però ferma al Consiglio dell'UE per l'opposizione di diversi Paesi, Italia compresa. Lo fa sapere Wikimedia, l'associazione che sostiene l'enciclopedia libera. Non si tratta però di una novità in Europa: anche in Spagna è stata fatta una cosa simile.

Share