Sterlina scende dopo richiesta May breve proroga Brexit, attesa Fed

Share

Ora si attende la risposta dell'Unione Europea, che ha già avvertito: "Una proroga potrà essere concessa solo a condizioni ben precise, con l'indicazione di ragioni e obiettivi chiari da Londra". Infine, sono state adottate misure temporanee per garantire la regolarità del del trasporto aereo, del trasporto di merci su strada e passeggeri su strada e la continuità degli investimenti in infrastrutture. "Me l'hanno detto loro, candidamente". Domani al vertice, i 27 non prenderanno decisioni formali, ma si metteranno d'accordo su come procedere, in modo indicativo, nel caso di un voto positivo sull'intesa, ai Comuni.

Theresa May chiede all'Ue un rinvio della Brexit breve, limitato al 30 giugno. Nella nota presentata questa mattina ai commissari, l'esecutivo europeo spiega che la proroga deve essere concessa al massimo fino al 23 maggio 2019 (giorno in cui iniziano le elezioni europee) oppure deve coprire tutto l'arco temporale fino al 31 dicembre 2019. 50 al prossimo 30 giugno. Prima che la May annunciasse l'invio della lettera il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker nella sua telefonata con la premier britannica "l'ha messa in guardia formalmente dall'includere una data della proroga successiva alle elezioni europee". Si e' in presenza - ha affermato il ministro degli Esteri, Jean-Yves Le Drian, in parlamento - di "un contesto in cui la signora May e' incapace di una strategia credibile".

Elisa Isoardi incinta? Le foto del presunto pancino
Di chi stiamo parlando? In base agli scatti pubblicati sul settimanale di gossip tra i due c'è una grande complicità. Negli scatti in questione si vede la bella Elisa Isoardi in quel di Milano con in bella vista un po' di pancia.

Il 19 marzo, sia il Governo che il Parlamento italiani si sono espressi contro la risoluzione presentata dal parlamentare di +Europa, Alessandro Fusacchia, che avrebbe impegnato il Presidente del Consiglio a far valere i diritti di voto degli italiani residenti nel Regno Unito con la premier britannica Theresa May durante il Consiglio Europeo del 21 marzo. Perciò ha Juncker ribadito l'opinione che "il ritiro vada completato entro il 23 maggio, altrimenti c'è il rischio di difficoltà istituzionali e incertezza legale, vista la data delle elezioni europee" che si terranno dal 23 al 26 maggio. "Confidiamo di pervenire a questo risultato e di definire un "deal" per l'uscita del Regno Unito", aggiunge.

Share