La rivoluzione di Uefa e Eca: Champions League di sabato

Share

Dal 2021 o con maggiori probabilità dal 2024 alcune gare, potrebbero andare in scena nel week end e non più in mezzo alla settimana, e inoltre sarebbe pronto un piano che inserirebbe retrocessioni e promozioni. Liga, Premier, Bundesliga e Serie A però non ci stanno ed hanno firmato un accordo che hanno già inviato alla UEFA in cui si rifiutano di rinunciare ai fine settimana per lasciare spazio alla Champions League e spostare le partire dei campionati nazionali nei giorni feriali.

Secondo il 'Wall Street Journal', l'UEFA e l'ECA (associazione europea dei club) si incontreranno in Svizzera martedì per discutere di eventuali modifiche alla Champions League. Un massimo di 18 club partecipanti con accesso determinato da una sorte di coefficiente che terrebbe conto della storia delle squadre nella competizione. Questo potrebbe portare a partite nel fine settimana.

Giocare il weekend le partite di cartello e inserire le promozioni e le retrocessioni.

Ong soccorre 49 migranti, Viminale: pronta direttiva anti-sbarco
Il Viminale sta lavorando a una direttiva per ribadire le procedure dopo eventuali salvataggi in mare . Contattato dall'Ansa ha comunicato che sul gommone ci sono anche 12 minori.

Tra queste, oltre all'abolizione dei goal in trasferta, ce ne sono due che potrebbero totalmente cambiare il format della competizione. Questa situazione, come riporta Dagospia, cambierebbe anche l'ordine dei campionati che andrebbero giocati al di fuori del week-end, cambiando l'ordine che i tifosi hanno ormai da anni.

L'incontro odierno a Nyon serve per mettere le basi per questa rivoluzione fortemente voluta dai club. No, non si parlerà della Super Lega, un progetto lasciato indietro sia da Ceferin sia da Agnelli.

Share