Pensioni, Quota 100 e Reddito di cittadinanza: novità alla Camera. Cosa cambia

Share

Le commissioni Lavoro e Affari sociali della Camera hanno dato il via libera agli emendamenti del decretone, che dovrà ora essere votato dall'aula della Camera per poi tornare al Senato per la seconda lettura ed essere approvato in via definitiva entro il 29 marzo.

I tempi di approvazione intanto si stringono: il decreto è in calendario per lunedì 18 marzo nell'aula della Camera, quindi entro fine settimana termineranno i lavori della commissione.

E non è l'unico, per un provvedimento (quello del reddito di cittadinanza) che sta subendo modifiche nonostante in molti abbiano già richiesto il sussidio.

Una delle novità in arrivo nel decretone su reddito e quota 100 riguarda il pagamento della pensione di cittadinanza che potrà essere pagata come tutte le altre, anche in contanti negli uffici postali o in banca, e non solo sulla card del reddito. Ritoccata anche la scala di equivalenza che consentirà ai nuclei che hanno a carico familiari disabili di avere 50 euro in più di beneficio: la scala in questi casi passa a 2,2, e il reddito potrà così arrivare al massimo 1.380 euro. Il Piano, si spiega nella proposta di modifica, dovrà fornire una "cornice volta a garantire l'attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni connesse alle politiche attive del lavoro in favore dei beneficiari del reddito di cittadinanza".

Partiamo proprio da questo mini aiuto pensato per le famiglie che hanno disabili. "Una falsità", ha attaccato Versace. Lo prevede un altro emendamento delle relatrici al decretone.

Indian Wells, Thiem batte Federer in finale
Vittoria in tre set per l'austriaco contro Raonic sconfitto 7-6 (3); 6-7 (3); 6-4 in due ore e mezza di gioco. Andrò a casa e inizierò direttamente la transizione verso la terra rossa, voglio essere pronto per Montecarlo.

Un campione di famiglie sarà sottoposto a test per verificare come funziona la misura, ottenendo in cambio l'esenzione da alcuni obblighi ma non quello di dare disponibilità al lavoro e accettare offerte congrue. Gli stessi strumenti potranno essere utilizzati anche dai comuni, per i lavori socialmente utili. "Una norma di buon senso che rafforza ancor di piu' questo strumento, assicurando maggiori controlli, piu' tutele per i beneficiari del reddito e una piu' giusta redistribuzione delle risorse", conclude.

Questi programmi prevedono la distribuzione di pacchi, l'accesso ad empori sociali e la distribuzione domiciliare, oltre a servizi di mensa o attraverso le unità di strada. Per scovare i "furbetti" del reddito verranno assunti 100 finanzieri e 65 carabinieri aggiuntivi. L'Arma potrà coprire poi la carenza di organico con un concorso per assumere, dal primo ottobre, 32 ispettori e 33 appuntati. E' quanto si legge in una nota della Consulta nazionale dei Caf. Tutte queste richieste sono state inoltrate al ministero e all'Inps.

Con un ritocco alla governance dell'istituto viene prevista la nuova carica, da determinare con dpcm. Il cda rimane comunque di 5 componenti, presidente, vice e 3 membri.

Costa cara a Sandro Russo la visita "camuffata" del giornalista di "Non è l'Arena", la trasmissione di Massimi Giletti, in onda su La7, che nella puntata del 27 gennaio scorso aveva mostrato il consigliere comunale che elargiva presunti consigli all'interlocutore su come eludere i paletti del reddito di cittadinanza.

Share