Reddito di cittadinanza: "Meno navigator, più coordinamento delle Regioni"

Share

E sul tema è stata raggiunta un'intesa fra il governo e la stessa Conferenza delle Regioni, che ha dato parere favorevole all'unanimità all'intesa.

Dopo la riunione il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti si è detto "più ottimista di qualche giorno fa".

"Non sono professioni sovrapponibili - ha detto invece la coordinatrice degli assessori al lavoro delle Regioni, Cristina Grieco, a proposito dei navigator e dei lavoratori nei centri per l'impiego - Faranno assistenza tecnica".

"Noi stiamo prospettando ipotesi - ha spiegato l'Assessore della Regione Toscana - che tengano conto dell'impatto che il provvedimento sul reddito di cittadinanza avrà sui servizi per il lavoro e sulle competenze, a legislazione vigente, delle Regioni".

L’Ucraina è entrata in guerra con Al Bano
Pertanto, giudica inammissibile - riporta l'Agi - che proprio lui, in prima fila per la pace, venga trattato come un terrorista. Il duo composto da Al Bano e Romina Power era molto popolare in Europa e in Unione Sovietica negli anni '80 e '90.

Altro problema da evitare, secondo le Regioni, che si crei una modalità 'duale' per operatori e utenti, ossia che si crei una segmentazione ad esempio in 'operatori per poveri' e 'operatori per disoccupati over 50', che sarebbe una vera e propria ghettizzazione perché i centri devono erogare servizi universali. L'accordo prevede anche un piano nazionale per concordare le regole sull'utilizzo dei navigator, anche se l'ultima parola spetterà poi alle Regioni.

Raggiunto un accordo tra Governo e Regioni. "Sono arrivati chiarimenti importanti sul ruolo di questi accompagnatori", ha aggiunto. Se ne parlerà a Bologna dal 21 al 23 marzo al festival della cultura del lavoro, Nobìlita.

"Superato il passaggio della conversione in legge del decreto con gli emendamenti proposti dalle Regioni - ha concluso Luigi Bertschy - ora auspichiamo un'accelerazione sugli strumenti, anche tecnici, che rendano possibile la gestione da parte dei "Cpi" della nuova misura, per i quali ad oggi non è ancora iniziata alcuna interlocuzione con le Regioni da parte del Ministero".

Sui navigator i tecnici della commissione Bilancio chiedono di chiarirne il numero, i costi e l'inquadramento. Quelli futuri sono i 3.000 navigator che sempre la controllata del ministero del Lavoro si accinge a reclutare per gestire il reddito di cittadinanza, con un concorso dalle procedure molto rapide: ci sarà soltanto una selezione con un test a risposte multiple. Nella top five la Campania con 18.832 domande, la Lombardia (18.616), la Sicilia (15.994), il Lazio (13.367) e il Piemonte che tallona da vicino a 13.056.

Share