Formula1,Charlie Whiting è morto: era lo storico direttore di gara dei GP

Share

Regole che lui stesso ha contribuito a scrivere. "E' difficile accettare il fatto che qualcuno non ci sia più". Sebastian Vettel descrive così il proprio stato d'animo dopo la morta di Charlie Whiting.

Il candidato alla successione di Whiting era Laurent Mekies, ma il francese non ha saputo resistere alla chiamata della Ferrari, visto che Mattia Binotto gli ha affidato il ruolo di direttore sportivo della Scuderia. I miei pensieri e le mie preghiere sono rivolti alla sua famiglia. E' un'icona del mondo dello sport e ha dato un grande contributo. "Possa riposare in pace".

Charlie Whiting, direttore di corsa e delegato alla sicurezza della Formula 1, è morto nella notte a Melbourne, in Australia, dove si trovava per il primo Gran Premio del Mondiale, in programma domenica all'Albert Park.

Una triste notizia ha colpito la Formula 1 alla vigilia del GP d'Australia che nel weekend aprirà il Mondiale: Charlie Whiting è morto. Secondo quanto reso noto dalla Federazione internazionale (Fia) il 66enne Whiting è stato vittima di un'embolia polmonare.

Formula1,Charlie Whiting è morto: era lo storico direttore di gara dei GP

L'improvvisa scomparsa di Charlie Whiting ha costretto il collegio dei commissari di gara a trovare rapidamente un sostituto. Whiting iniziò la sua carriera in F1 nel 1977 lavorando nel team Hesketh.

Formula 1 in lutto: come riporta Express, Charlie Whiting era molto popolare nel paddock di F1 e aveva uno stretto rapporto con molti piloti.

E in mancanza di un "delfino" che era stato cresciuto da Charlie, la FIA avrebbe deciso di dare fiducia a Michael Masi, il direttore di gara di Melbourne che fa parte della Federazione Australiana e si è occupato di V8 Supercars. La Formula 1 ha perso un amico fedele e un ambasciatore carismatico. "Tutti i pensieri vanno alla famiglia, ai suoi amici e a tutti gli appassionati della F1".

Borsa, Milano apre in rialzo +0,5%
Sullo sfondo i passi in avanti del dialogo tra Usa e Cina sul fronte del commercio globale. Sono cresciuti invece Buzzi (+1,7%), Recordati (+1,9%), Campari (+1,8%) e Tenaris (+1,4%).

Share