Borsa, Milano apre in rialzo +0,5%

Share

Il membro del Consiglio direttivo della Bce, Benoit Coeure, in un'intervista al Corriere della Sera ha detto che la debolezza dell'area euro è più pronunciata di quanto atteso, aggiungendo però che la Bce non intravede al momento il rischio di una recessione. A Parigi il Cac sale dello 0,47% a 5.290,94 punti, a Londra il Ftse 100 cede lo 0,03% a 7.128,24 punti, a Francoforte il Dax guadagna lo 0,6% a 11.612,46 punti. Sono cresciuti invece Buzzi (+1,7%), Recordati (+1,9%), Campari (+1,8%) e Tenaris (+1,4%).

Il listino milanese è frenato dal calo di Tim (-4,41%), mentre prosegue il braccio di ferro tra Elliott e Vivendi in vista dell'assemblea degli azionisti del 29 marzo, di Banco Bpm (-2,28%), di Ubi (-1,15%), di Juventus (-1,99%), di Pirelli (-0,62%) e di Ferragamo (-1,28%), questa in attesa dei conti 2018 come Mediaset (+0,67%). A fare da traino alla giornata il ritorno degli acquisti sul settore bancario europeo, che pesano da contraltare ad una Wall Street dall'andamento altalenante. Lo spread ha chiuso a 248 punti, in lieve rialzo rispetto all'apertura (246). In Asia cala lo yen a 111,32 (-0,1%). Il rendimento è pari al 2,54%.

'Che schifo', la foto di un piatto di Joe Bastianch fa rabbrividire
Lo chef italo-americano ha pubblicato infatti l'immagine di un piccione alla brace cucinato in un suo ristorante di Las Vegas. Insomma, i commenti sono tantissimi e gli utenti sono quasi tutti negativamente colpiti dal piatto che Joe sta per mangiare.

Nei mercati asiatici rimbalzo dopo il rally dei tecnologici in America. Nella prima seduta della settimana il petrolio Brent ha segnato un rialzo dello 0,91% a 66,35 dollari il barile grazie alle rassicurazioni sulla conferma dei tagli all'output. Sullo sfondo i passi in avanti del dialogo tra Usa e Cina sul fronte del commercio globale.

Share