F1, nuova livrea e nuovo title sponsor per la Williams

Share

Di seguito ecco il calendario delle presentazoni vetture 2019, clicca sui link per saperne di più. Da questa stagione la scuderia britannica correrà sotto il nome di Rokit Williams Racing, in virtù dell'accordo con la compagnia che si occupa della produzione di telefoni cellulari.

Una Williams apparentemente tutta nuova, che punta tutto sulla stagione 2019 di Formula 1.

Domina l'azzurro alla base della FW42: sull'airscope, sull'estremità del muso, sui lati e sulle pance della vettura. Claire Williams ha voluto commentare la nuova sponsorizzazione: "Siamo molto felici di dare il benvenuto a ROKiT nel nostro team come title partner per la stagione 2019 di Formula 1". Il nuovo main sponsor è un'azienda leader nella telefonia che sponsorizza le divise della squadra della NBA degli Houston Rockets.

Tour Negramaro, Spedicato lascia il posto da chitarrista al fratello
Si chiamerà " Amore che torni - tour " e inizierà il prossimo 14 febbraio a Rimini . Al suo posto sui palchi di tutta Italia, a sostituirlo sarà il fratello Gabriele.

Ieri a Grove è stata presentata la livrea della FW42, che sarà guidata dall'esordiente Russell e da Robert Kubica. Con una motorizzazione Mercedes-AMG e l'accoppiata Kubica-Russell - decisamente migliore della vecchia line up - riuscirà il team inglese a raggiungere l'obiettivo prefissato?

Nuovi colori, dunque, per la livrea della monoposto, bianca con inserti celesti e neri, che vedrà al volante George Russel, già in orbita Mercedes e campione della GP3 nel 2017 e di Formula 2 nel 2018, e Robert Kubica al ritorno in pista da pilota titolare dopo l'anno passato da collaudatore e soprattutto il terribile incidente nel rally di Andora che ha compromesso la mobilità del braccio. L'ultima volta che l'abbiamo visto a bordo di una monoposto è stato durante i test invernali nel 2011 sulla Renault R31, a Valencia.

"Lo scorso anno è stato molto difficile per noi". L'ex pilota ART GP si è dimostrato incredulo del suo debutto in F1 e, in una competizione composta sempre più da giovani, speriamo che sia in grado di farsi valere.

Share