Borsa, Milano chiude in rialzo: bene Unicredit, debole Generali

Share

Londra (+0,06%) è la migliore, Milano (-0,07%) è fiacca mentre cedono Francoforte (-0,44%), Parigi (-0,17%) e Madrid (-0,33%).

In linea con il consenso l'inflazione italiana che, in versione preliminare, nel primo mese dell'anno ha segnato un +0,1% rispetto alla precedente rilevazione. Oggi l'Istat diffonderà i dati sulla produzione industriale e la nota mensile sull'andamento dell'economia. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nel comparto tecnologia (-0,68%).

Lo spread è schizzato a 285 punti.

Meghan Markle e il suo pancione. Per i social "è finto"
Attualmente come si sa, a causa di impegni diplomatici, oltre che per questa 'crisi', i due stanno vivendo separatamente . Ma cosa succederebbe in caso si decidesse di porre fine al matrimonio? Ha preparato pranzetti adorabili.

Guardando a Piazza Affari, ieri l'indice Ftse Mib ha chiuso con un passivo del 2,59% dopo l'ufficializzazione delle nuove stime della Commissione Europea. Piatta Tim, alle prese con il dialogo con Open Fiber per la rete unica.

L'ufficio studi di Money.it segnala che la palma di top performer del listino principale va a FinecoBank (+3,44%), alla vigilia del Cda chiamato ad approvare i numeri relativi l'esercizio 2018. Tra le banche marciano in rialzo Unicredit (+2,3%), Ubi (+2,1%), Mps (+1,4%), Bper (+1%) e Intesa (+0,9%). Segno più anche per Banco BPM (+0,65%) dopo che il Ceo Giuseppe Castagna ha ribadito di non voler intervenire in Carige e annunciato che il 2019 sarà il primo anno "normale" e la redditività farà segnare un rialzo.

Share