Sfera Ebbasta, ma dove sei? Quel grido di una madre ferita

Share

È il duro sfogo contro il trapper Sfera Ebbasta di una mamma di una delle vittime della calca nella strage della discoteca Lanterna azzurra di Corinaldo, nella notte tra il 7 e l'8 dicembre. Così mamma Donatella dalla sua pagina facebook in queste settimane ha tenuto viva la voce delle famiglie coinvolte nella tragedia. Garulli ha precisato che il trapper potrebbe essere ascoltato eventualmente in relazione alla necessità di capire qualcosa di più sull'organizzazione dell'evento di quella sera. Una tragedia che ha profondamente scosso Senigallia che dopo due fiaccolate in ricordo delle vittime (a Corinaldo e Senigallia), continua a stare vicina ai familiari di Asia, Benedetta, Emma, Eleonora, Mattia e Daniele con alcune raccolte fondi. Poi, ha ripreso la sua attività live e social accantonando l'accaduto, un gesto che viene aspramente criticato dalla signora che auspica solo che venga fatta giustizia.

Ma a quell'ora era ancora in Romagna per un altro impegno, sarebbe partito intorno all'una di notte, salvo poi fare dietrofront una volta saputo quello che era successo: sei persone morte schiacciate e decine di feriti per il cedimento di una balaustra di un'uscita di sicurezza in un fuggi fuggi, forse provocato da spruzzi di spray urticante. Tu e i tuoi collaboratori imparate a non giocare con i sogni dei ragazzini che sono morti nell'attesa che arrivassi. Quindi evidenzia: "Premetto che la mia considerazione per Sfera è meno di zero, ma comincia a farmi inc...are".

Caso R. Kelly, Lady Gaga vuole cancellare "Do What You Want"
Le donne protagoniste hanno raccontato di essere state stalkerate e abusate dal cantante, spesso durante la loro adolescenza. Per questo motivo è stata fatta nuovamente luce sullo scandalo molestie che ha travolto R.Kelly anni fa.

La donna scrive infatti che il trapper si era fatto vivo con lei a molti giorni dalla tragedia, inviandole una lettera privata scritta e firmata in cui si dichiarava molto provato, per poi pubblicare la stessa lettera sui social, ricordando le date dei concerti. E ancora: "Ricordati che il regalo più grande te lo sei fatto portandoti sulla tua coscienza 6 morti". Ecco caro Sfera colgo l'occasione per risponderti sui social, è più cool. E magari "evita di postare foto da idiota con il tuo "PACCO"..." "Io al tuo posto, se è vero che stavi arrivando alla Lanterna, sarei venuto a verificare, a vedere che cosa era successo - evidenzia -". A te Nn riesco nemmeno a considerarti, ma ce l'ho a morte con i tuoi collaboratori i tuoi manager la tua casa discografica... Penso che sia il loro lavoro preoccuparsi di organizzare al meglio i tuoi concerti o djset... "Eh sì perché la tua fama è mondiale e non puoi cantare in ex magazzini".

Ciao Gionata in bocca al lupo x la tua carriera da grande artista.

Share