La direttrice di Raiuno: "Baglioni mai più a Sanremo"

Share

Apriti cielo. Tutti contro Baglioni. Baglioni aveva detto: "Siamo un Paese incattivito, rancoroso, guardiamo con sospetto anche la nostra ombra, e questo è un disastro prima di tutto di ordine intellettuale". Queste le sue parole: "Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo". "A proposto delle sue parole pronunciate di recente, andrebbero lette tutte, non bisogna fermarsi ai titoli". "Credo che le misure messe in atto dal governo, come da tutti i governi precedenti, non siano assolutamente all'altezza della situazione". Ma potrebbe portare anche a casa (Urbano Cairo permettendo) il ritorno all'ovile di Massimo Giletti, che conosce benissimo dai tempi in cui era vicedirettore di Fabrizio Del Noce: fu proprio l'ex direttore di Raiuno a portare Giletti nello spazio domenicale.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del Festival, ricordiamo, Claudio Baglioni si è pronunciato con fermezza contro la politica di Matteo Salvini. Ignorando forse, sempre in tema di pertinenza delle altrui parole, che Baglioni, sì, "canta", ma è stato anche per un decennio, nell'isola di Lampedusa, "porta d'Europa" proprio dei migranti, promotore di un festival, "O' Scià", che della solidarietà faceva bandiera e altoparlante: "La manifestazione - riporto testualmente da Wikipedia - è nata come forma di sensibilizzazione sul problema dell'immigrazione clandestina, venendo alla luce come un concerto quasi improvvisato dal cantautore romano davanti agli ombrelloni e divenendo, con le successive edizioni, un evento di notorietà internazionale".

Scatenati i deputati del Pd Michele Anzaldi e Alessia Morani che attaccano De Santis: "Il direttore di Rai1 minaccia a mezzo stampa il conduttore della principale trasmissione di Rai1 e della Rai, Sanremo, ma dalla commissione di Vigilanza arriva solo un silenzio tombale". Il presidente Barachini è ancora in ferie?

Australian Open, sfida a distanza Djokovic-Federer
Il "nemico pubblico" numero uno del tennis internazionale, Novak Djokovic , si prepara agli Australian Open . Roger Federer - campione in carica e sei titoli anche per lui - è a quota 6,00.

Dura, poi, nella giornata di ieri la replica di Matteo Salvini. "La furia del TgLega abbatte anche ogni logica giornalistica e professionale", ha scritto su Twitter il segretario della commissione di Vigilanza Rai.

In questi giorni si è parlato di Claudio Baglioni e Sanremo 2019, con ospiti e personaggi che penseranno ad affiancarlo. "Invece, e non solo per responsabilità di Claudio Baglioni, sono state trasformate nel solito comizio", scrive De Santis, aggiungendo: "mi preme ricordare che Rai1 si chiama rete ammiraglia perché è la rete più importante e produttiva dell'azienda, guai ad attaccarla senza sapere che ci rimette l'intera Rai". "Quello che penso lo dirò al momento opportuno".

Share