WhatsApp: Alcune delle novità in arrivo nel 2019

Share

C'è da dire inoltre che i fondatori di WhatsApp hanno persino abbandonato la loro stessa creazione, proprio a causa delle scelte prese dal creatore Facebook. D'altro canto ha informato tutti gli utenti che l'operatore rosso ha già sporto denuncia all'Autorità giudiziaria. La popolare app di messaggistica continua a rilasciare nuovi aggiornamenti per iOS e Android, introducendo spesso nuove funzionalità che migliorano l'esperienza d'uso dell'applicazione. Ricordiamo che gli operatori telefonici non richiedono mai copie di documenti per interventi di assistenza né tanto meno utilizzano WhatsApp per comunicare con la propria clientela per questioni contrattuali.

Riepiloghiamo le news più importanti in arrivo sui nostri dispositivi nei prossimi mesi, migliorando l'app con nuove funzionalità, tra queste la nuova modalità notturna per usare al meglio WhatsApp con una visione meno stancante per gli occhi, i messaggi vocali in riproduzione automatica anche su Android, i QR code per aggiungere gli utenti in modo semplice e veloce, le videochiamate o chiamate di gruppo, l'anteprima dei file in arrivo e la pubblicità.

A partire dal 2019, WhatsApp consentirà agli utenti la lettura dei QR Code per l'aggiunta di un contatto senza le necessità di avere il numero di telefono.

Calciomercato, clamoroso Benfica: si pensa al ritorno di Mourinho
Una di queste è il Benfica che in settimana ha salutato il suo tecnico Rui Vitoria dopo i risultati deludenti di questi mesi.

Una funzione già attiva su iOS arriverà anche su Android durante l'anno. Gli obiettivi di questi messaggi-truffa sono principalmente due: entrare in possesso dei dati personali degli utenti per venderli sul dark web oppure per utilizzarli in altrefrodi online, e attivare abbonamenti a pagamento che scalano i soldi direttamente dal credito residuo. Poiché è già disponibile per iPhone, l'aspettativa è che la funzione arrivi presto per la versione Android. In ogni caso, non sarebbe sorprendente se la promessa fosse soddisfatta, dal momento che Facebook ha implementato un simile modello di pubblicazione degli annunci su Instagram Stories a giugno. Tuttavia, secondo fonti giornalistiche, le pubblicità saranno alimentate dal sistema pubblicitario nativo di Facebook e "aiuteranno a familiarizzare gli utenti aziendali" con il sistema di messaggeria.

Basterebbe un minimo di avvedutezza per difendersi da quelle che, banalmente, vengono definite Catene di Sant'Antonio; eppure, sono così tanti a caderci che le truffe diventano virali su WhatsApp (specie attraverso la condivisione all'interno dei gruppi).

Share