Modello 730/2019: la bozza già presente online sul sito delle Entrate

Share

Va innanzi tutto ricordato che, anche quest'anno, il modello 730 va presentato entro il 23 luglio nel caso di presentazione diretta all'Agenzia delle Entrate o al Caf o tramite un professionista, ed entro il 7 luglio nel caso di presentazione al sostituto di imposta.

La legge di bilancio 2018 ha introdotto alcune novità e nuove detrazioni. Sul portale dell'Agenzia delle Entrate è stato pubblicato il modello insieme alle istruzioni per la compilazione, con tutte le ultime novità introdotte nel 2019.

Sul sito dell'Agenzia delle Entrate è stata pubblicata la bozza del nuovo modello 730 da presentare per i lavoratori dipendenti e i pensionati nel 2019.

In primis, tornano ad essere detraibili gli abbonamenti al trasporto pubblico. Previste anche la detrazione del 19% per le spese sostenute dai familiari a carico per l'acquisto di abbonamenti ai servizi pubblici di trasporto locale, regionale e interregionale per un importo non superiore a 250 euro.

Arezzo, recuperate le chitarre rubate ai Negrita
Si tratta di due pregiudicati di 51 e 36 anni con precedenti per furto e ricettazione . I due denunciati dovranno rispondere del reato di ricettazione.

Ma potranno essere inserite anche le detrazioni per le spese di assicurazione contro il verificarsi di eventi calamitosi. Infine, sempre nel quadro E confluisce anche la detrazione IRPEF del 19% delle spese sostenute a favore dei soggetti con disturbo specifico dell'apprendimento. Debutta ad esempio il bonus giardini, ovvero la detrazione.

- la detrazione maggiorata per gli interventi effettuati sulle parti comuni degli edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 finalizzati contemporaneamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, spettante nella misura dell'80%, se ne consegue il passaggio a una classe di rischio inferiore, ovvero dell'85%, se il passaggio è a due classi di rischio inferiori.

Tra le novità normative dell'anno imposta 2018, ci sono le detrazioni in favore dei figli affetti da disturbi specifici dell'apprendimento (Dsa) e le agevolazioni previste per le donazioni in favore di organizzazioni e società di mutuo soccorso del terzo settore.

Share