Il Real Madrid è in crisi di nervi

Share

"A che serve il Var?", si è chiesto Emilio Butragueno, ex asso merengue e oggi direttore dei rapporti istituzionali del club lamentandosi per il mancato utilizzo della moviola in campo (il risultato era 0-1).

Fischi sonori dei tifosi per il tecnico e per la squadra, in particolare un irriconoscibile Marcelo, anche sfortunata viste le tante occasioni sventate dal portiere dei baschi Rulli, ma pure molto nervosa pensando all'espulsione in avvio di ripresa di Lucas Vazquez, che ha anche strappato la maglia dopo aver visto il cartellino rosso. I rossoneri sono finiti fuori dalla top 10 ma hanno un grande vantaggio sulle inseguitrici e in caso di risultati positivi l'entusiasmo tornerà a circondare il club di via Aldo Rossi. Poi di nuovo sul Var: "Non voglio parlare degli arbitri, ma ci sono situazioni che sembrano dubbie quando le guardi dal vivo e crediamo che il Var serva per questo, si deve utilizzare quando non c'è la certezza, altrimenti non ha ragione di essere".

Inter, preso un top player a zero: i termini dell'accordo
Si cercano profili internazionali che possano dare qualcosa in più in Champions League, che possano dare esperienza, oltre alla classe in campo.

"Molti di noi non sono al loro livello, non possiamo fare una 'cagada' all'inizio di ogni partita". Ieri il suo Real Madrid ha perso in Liga 2-0 contro la Real Sociedad. Magari oggi non era in giornata, mi ha detto che gli hanno riferito che non era una rigore ma penso che sia incredibile che non abbiano controllato le immagini. Il pubblico del Bernabeu si è spazientito e ha fischiato sonoramente i propri beniamini: "La palla non entra, ma non è questione di sfortuna o fortuna". Partita tiratissima a Getafe con il Barca avanti con Messi (20') e Suarez (39') e Mata che accorcia sul finire di tempo (43').

Share