Reddito di cittadinanza e pensioni: decreto in arrivo

Share

E poi fonti della presidenza del Consiglio hanno fatto sapere che, pur "rispettando le norme europee e la Costituzione, stiamo inserendo vincoli per gli stranieri, come la residenza di oltre 10 anni e non avere precedenti penali, che porta la platea di italiani che percepiranno il reddito di cittadinanza a oltre il 90%". Le regole sono state illustrate nei dettagli dal nostro giornale partner Quotidiano.net: "Il reddito di cittadinanza 2019 prende forma: sarà istituito "a decorrere dal mese di aprile" e il sostegno decorrerà "dal mese successivo a quello della richiesta". La pensione minima a 780 euro, come le pensioni di invalidità a 780, partiranno tra febbraio a marzo, ha assicurato ancora Di Maio.

"La nostra norma sul reddito di cittadinanza è rivolta agli italiani" così il vicepremier Luigi Di Maio rompe gli indugi in merito alla misura fortemente voluta dai Cinque Stelle e inserita in manovra.

- FAMIGLIE COINVOLTE: a settembre, secondo gli ultimi dati Inps, erano circa 378.000 i nuclei familiari che avevano avuto il Reddito di inclusione per 1,1 milioni di persone coinvolte (304 euro l'importo medio per famiglia). Perché smentire le proprie dichiarazioni e ammettere che il reddito varrà anche per gli stranieri residenti da tot anni, quando si può in un colpo solo sostituire la parola stranieri con "lungoresidenti" e parlare di un ipotetico merito che, in fin dei conti, non è altro che la durata della residenza?

Asia Argento, le cattiverie e la decisione clamorosa
Da lì la decisione di Sky Italia, controversa e criticata da molti, di eliminare Asia dalla giuria di X-factor. Asia Argento dice addio a Twitter .

In pochi mesi si è passati dall'esclusione totale degli stranieri, al limite minimo dei cinque e dei dieci anni, per poi tornare all'esclusione totale.

Quella del merito è infatti l'ennesima trovata propagandistica per mascherare una misura che si vuole nazionalista e patriottica, ma che per ovvi motivi costituzionali e antidiscriminatori riguarderà necessariamente anche gli stranieri. I criteri per l'accesso saranno l'indice Isee, il reddito familiare, gli immobili di proprietà e il conto in banca (non solo personale, ma di tutta la famiglia). Per il 2019, dunque, vale l'Isee del 2018. Stesso discorso per la valutazione degli altri requisiti: una ricchezza immobiliare massima di 30 mila euro (esclusa la prima casa) e un patrimonio mobiliare di base non superiore a 8 mila euro.

La pensione di cittadinanza sarà invece corrisposta agli anziani che vivono in un nucleo familiare composto solo da ultra sessantacinquenni. Nelle ultime ore, stando a quanto riporta quifinanza, si fa largo la voce per cui non saranno accolte le domande di chi eventualmente si è recentemente dimesso dal proprio lavoro. "Si tratta, oltre ai cittadini dell'Unione (tutelati dall'articolo 18 del Trattato), dei titolari di permesso di lungo soggiorno (direttiva 2003/109) e dei titolari di protezione internazionale (direttiva 2011/95)".

Share