Saltriovenator, un predatore gigante nel Giurassico lombardo

Share

Questi dinosauri, caratterizzati da massicce mascelle dotate di denti acuminati, sono stati finora ritrovati solo in Nord America e in Portogallo e sono stati datati a circa 150 milioni di anni fa. Si chiama Saltriovenatur zanellai, in onore del luogo di ritrovamento e del suo primo scopritore Angelo Zanella, un appassionato di geologia. Un competitor del T-Rex di hollywoodiana memoria. Il suo nome: Saltriovenator Zanellai.

I resti fossili trovati nel 1996 nella cava di Saltrio, in provincia di Varese, appartengono al più antico dinosauro carnivoro di grandi dimensioni mai rinvenuto al mondo.

Media: in Gibuti arrestato presunto organizzatore attentato a Charlie Hebdo
L'uomo era noto agli agenti per aver commesso piccoli furti e per essersi nel tempo convertito all'Islam radicale. Chérif, che oggi ha 36 anni, anche conosciuto come Abu Hamza, è uno dei terroristi più ricercati al mondo.

"Per quanto frammentario, lo scheletro di Saltriovenator mostra un mosaico di caratteri anatomici ancestrali e derivati, che si trovano rispettivamente nei dinosauri con mani a quattro dita, come i dilofosauri e i ceratosauri, e nei teropodi tetanuri che hanno mani con tre dita, come gli allosauri", ha sottolineato Dal Sasso, che ha riassemblato e studiato il fossile per diversi anni. "Non tutti i frammenti combaciano, ma molti sono adiacenti e ci permettono di ricostruire la forma di intere ossa. Per completare il puzzle abbiamo usato anche una stampante 3D". È importante per la paleontologia perché retrodata di circa 25 milioni di anni la scomparsa dei grandi dinosauri predatori, mentre è importante per la storia degli uccelli perché, secondo quando spiegato da Andrea Cau (uno degli autori dell'articolo scientifico sul Saltriovenator zanellai), dimostrerebbe che i dinosauri predatori avrebbero perso progressivamente mignolo e anulare sviluppando mani a tre dita, precursori delle ali degli uccelli. Primo dinosauro italiano risalente al Giurassico e unico dinosauro lombardo al mondo, è stato ritrovato a Saltrio (Varese), in una cava nota per aver fornito blocchi di pietra per il Teatro alla Scala, la Galleria Vittorio Emanuele e il Palazzo Reale di Milano.

Questo ceratosauro, un predatore bipede, cacciava prevalentemente nelle fitte e lussureggianti foreste che, nel Giurassico, ricoprivano il territorio dell'odierna parte occidentale della Lombardia. Storia nella storia italiana.

Share