Salvini definisce Hezbollah 'terroristi' e i nostri soldati si infuriano

Share

I "terroristi" islamici di Hezbollah sono coloro che hanno evitato che l'Isis e i fratelli di Al-Qaeda prendessero possesso della Siria. "Chi vuole la pace, sostiene il diritto all'esistenza ed alla sicurezza di Israele. Sono appena stato ai confini nord col Libano, dove i terroristi islamici di Hezbollah scavano tunnel e armano missili per attaccare il baluardo della democrazia in questa regione".

È bastato un tweet per vanificare anni di lavoro e diplomazia: imbarazzo ma soprattuto preoccupazione trapela dal ministero della Difesa dopo che il ministro dell'interno Matteo Salvini in visita in Israele ha accostato ai "terroristi islamici" la fazione sciita libanese Hezbollah attiva sul confine pacificato solo grazie alla presenza della missione Onu "Unifil" che vede l'impegno di 1100 militari italiani supportati da 278 mezzi terrestri e 6 mezzi aerei. "Non vogliamo alzare nessuna polemica - spiegano le stesse fonti - ma tali dichiarazioni mettono in evidente difficoltà i nostri uomini impegnati proprio a sud nella missione Unifil, lungo la blue line. Tra l'altro l'Onu la sua parte la sta già facendo, c'è una missione, si chiama Unifil, da oltre 12 anni, e il comando è oggi sotto la guida italiana per la quarta volta". Anche l'Ue considera dal 2013 l'ala militare di Hezbollah un'organizzazione terroristica.

"Che io poi non sia simpatico a Gad Lerner e chissenefrega..." ha aggiunto il Ministro dell'Interno. La Unifil, sottolinea Tenenti, "è super partes e non commenta le posizioni politiche espresse dai governi dei Paesi", è autorizzata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ed è composta da 43 Paesi membri. "Quello che si doveva dire sulla vicenda l'ha detto il ministero della Difesa", ha detto Luigi Di Maio su quanto detto da Salvini.

Salvini:

Parole che non hanno comunque sortito alcun effetto sul vicepremier. E ha collegato la notizia a quanto detto da Rivlin alla Cnn nei giorni scorsi, cioè che un movimento neo-fascista non dovrebbe essere ben accetto in Israele. "Se si scavano tunnel sotterranei a decine di metri che sconfinano nel territorio israeliano, non penso si faccia per andare a fare la spesa", dice il ministro dell'interno in conferenza stampa da Gerusalemme. E al commento di Di Maio ha replicato: "Non parlatemi di Di Maio, queste polemiche sono molto lontane".

Ma chi sono gli Hezbollah?

Brexit: ora Londra può revocarla unilateralmente
L'accordo emerge sempre più come una tonalità di grigio che scontenta i difensori del Remain e gli oltranzisti del Leave . C'è, innanzitutto, il nodo dell'Irlanda del Nord .

Share