Manifestazione Lega oggi 8 dicembre 2018, la lettera di Salvini

Share

Accoglie gli applausi scroscianti dei militanti e i cori: "Un capitano, c'è solo un capitano.". Torna sul palco alle 12,20 sulle note di 'Vincerò' della Turandot di Puccini, con la mano sul cuore, avvolto dai fumogeni. È il popolo della Lega, o meglio, il popolo di Salvini.

Matteo Salvini subito rassicura sulla tenuta del governo: "Dura cinque anni e mantiene tutti i suoi impegni: sarà giudicato dal numero di culle che tornano a riempirsi in questo Paese, dal numero di bimbi che nascono e tornano ad avere una mamma e un papà, non un genitore 1 e un genitore 2".

Ebbene sì, sono proprio lucciconi quelli che s'intravedono sotto alle ciglia di Matteo Salvini. "Non faccio cadere il governo per un sondaggio". Che sia pure per motivi diversi hanno controfirmato i vincoli europei che ci condizionano così tanto, sia in materia di finanza pubblica, sia per quanto riguarda le politiche per contenere il più possibile l'immigrazione illegale.

Mattarella alla prima della Scala: lungo applauso per il presidente
Si tratta di un risultato solo leggermente inferiore ai 2 milioni 77 mila spettatori che hanno seguito lo scorso anno Andrea Chénier, nonostante Attila sia uno dei titoli meno popolari di Verdi.

"Marciare uniti e compatti, e così non avremo paura di nessuno", dice Salvini. "Datemi un mandato per trattare con la Ue, non a nome del governo, non come ministro, ma a nome di 60 milioni di italiani". "Qualcuno ha tradito il sogno europeo, noi daremo il sangue per una nuova comunità europea". Sul fronte del partito, il segretario leghista rivendica con orgoglio: "Quando la Lega del 4 per cento manifestò in questo piazza mai avrei pensato che gli italiani ci dessero la forza di essere il primo movimento politico di questo Paese".

"Nessuna nuova tassa", rilancia mentre è in corso lo scontro con M5S per l'ecotassa sulle auto. E sul suo utilizzo dei social: "Dicono che non dovrei pubblicare la foto del piatto di spaghetti che ho mangiato. Quello che stiamo facendo al Governo lo dimostra la piazza di oggi". "Evviva gli spaghetti col ragù", scherza, per poi passare all'argomento Pamela Anderson. "Abbiamo contro Pamela Anderson e non so se riusciremo a cambiare l'Europa con cotanti oppositori...". Prima dei comizi c'è stato un minuto di silenzio dedicato alle sei persone morte ieri sera nella discoteca di Corinaldo, dopo che alcuni esponenti dell'opposizione avevano criticato la scelta di tenere comunque la manifestazione. "Abbiamo voglia di puntualità.", spiegano al cronista i due avvocati che guidano i rispettivi circoli territoriali in provincia di Cosenza e che si caratterizzano anche per la richiesta precisa al leader: "Il mondo dei professionisti e delle partita Iva aspetta risposte da troppo tempo: confidiamo in questa prima manovra". "Se nel tuo locale invece di 800 persone ne hai fatte entrare duemila il tuo posto è la galera fino alle fine dei tuoi giorni". Così scende dal palco e si concede ai suoi fan.

Share