Scontro in volo fra aerei militari Usa

Share

Sette membri degli equipaggi sono rimasti coinvolti nello scontro: due militari sono stati recuperati dai soccorsi aerei e marittimi, mentre risultano ancora dispersi gli altri cinque. Ricordiamo che l'incidente di oggi arriva dopo neanche un mese dallo schianto di un aereo da combattimento F/A-18, precipitato in mare il 12 novembre nei pressi dell'isola Kita Daitojima, dopo esser decollato dalla portaerei USS Ronald Reagan. Al termine delle operazioni di soccorso chiederà maggiori dettagli a Washington per stabilire il da farsi.

Il caccia-bombardiere F/A-18 e gli aerei cisterna KC-130 sono entrati in collisione in volo nella notte di giovedì a 200 miglia dalla costa del Giappone, ha riferito in precedenza il Corpo dei Marines USA. Anche per questo motivo il segretario del Governo Yoshihide Suga ha detto che "questa serie di incidenti desta molta preoccupazione tra le popolazioni locali e non dovrebbero verificarsi".

Recensione Hyundai Genesis 2016
Generalmente, l'automobile è dotata di un sistema di sicurezza a sensore che dispone di telecamere in tutti gli angoli. L'auto è dotata di un motore potente ed è difficile resistere alla sua solidità su strada.

Gli aerei erano partiti dalla base militare Usa di Iwakuni, a sud ovest dell'arcipelago, in cui sono dispiegati almeno 120 velivoli statunitensi e sede di un aeroporto commerciale.

Share