Abu Mazen al Papa: "Contiamo su di te"

Share

"L'incontro ha toccato anche le relazioni tra Palestina e Santa Sede e le forti relazioni storiche tra di esse, e il presidente Abbas ha ringraziato il Papa per il suo sostegno alla causa palestinese".

Papa Francesco ha donato, come di consueto, la Laudato Si - non le altre esortazioni, destinate invece a presidenti cristiani - e il messaggio per la Giornata Mondiale dei Migranti 2018, in attesa della pubblicazione del Messaggio 2019.

"Ci si è quindi soffermati sul cammino di riconciliazione all'interno del popolo palestinese, nonché sugli sforzi per riattivare il processo di pace tra Israeliani e Palestinesi e raggiungere la soluzione dei due Stati, auspicando un rinnovato impegno della Comunità internazionale nel venire incontro alle legittime aspirazioni di entrambi i popoli", afferma la nota della Santa Sede. La delegazione di palestinesi in Vaticano, al seguito di Abu Mazen, era composta da sedici persone, tra le quali il ministro degli Esteri e il consigliere per gli Affari religiosi.

Volley, Mondiale Club: Trento in finale. Sfiderà Civitanova nel derby italiano
Il copione non cambia nel secondo set , con i gialloblù che scappano via già sul 3-1 grazie ad un errore in attacco di Juantorena. Venti i punti di Sokolov, 19 per Juantorena, in gran serata, al pari del centrale Simon (13) e pure di Leal (14).

Papa Francesco ha incontrato lunedì in Vaticano il leader dell'autorità nazionale Palestinese Mahmoud Abbas e ha discusso con lui della situazione in Medio Oriente, prestando particolare attenzione allo status di Gerusalemme, ha riferito il servizio stampa della Santa sede. "Grazie della visita", ha esclamato Papa Francesco prima di congedarsi. "Sono contento di questo incontro, contiamo su di te", è stata la frase finale pronunciata da Abu Mazen.

Secondo il comunicato della Sala Stampa della Santa Sede, l tema dello status quo di Gerusalemme è stato al centro dei colloqui tra Papa Francesco e il presidente palestinese. Vista anche la discussione riapertasi, con le tensioni scaturite, dopo la decisione del presidente americano Trump di spostare l'ambasciata Usa a Gerusalemme.

Share