Gilet gialli: choc in Francia, vertice all'Eliseo

Share

Una vittima al blocco stradale - Un automobilista è rimasto ucciso stanotte ad Arles, nel sud della Francia, in un tamponamento provocato da un blocco stradale dei gilet gialli su una strada provinciale.

I tafferugli, come anticipato, si sono registrati ieri anche all'Arco di Trionfo. Un manifestante e' in condizioni molto gravi e tra i feriti ci sono anche 23 poliziotti.

Parigi: 'gilet gialli' ancora in piazza, tafferugli con la polizia

Dieci persone sono rimaste ferite da questa mattina nella zona attorno agli Champs-Elysees, dove sono in corso scontri fra circa 1.500 gilet gialli che tentano di forzare i blocchi della polizia a protezione degli Champs-Elysees. Dei singoli atti di violenza e dei danneggiamenti si occuperà la magistratura, ma il presidente resta chiamato a dare una risposta politica a cortei che hanno riportato incendi e barricate sui viali parigini cinquant'anni dopo il movimento del '68. Tensioni oggi anche nell'isola francese di La Rèunion: la ministra Annick Girardin è stata portata via dalla security dinanzi a una folla di gilets-jaunes che l'hanno accolta al grido di 'Macron dèmission!'. Non ha fatto dichiarazioni. "Parigi è stata ancora una volta campo di gioco di un'orda di casseur vestiti con i gilet gialli".

L'Arco di Trionfo di Parigi, il celeberrimo monumento innalzato per volere di Napoleone nei primi dell'Ottocento come celebrazione per la vittoria alla battaglia di Austerlitz (ma sarebbe stato terminato solo nel 1836, e dedicato dall'allora re di Francia, Luigi Filippo I, alle armate della rivoluzione e dell'impero), è stato preso d'assalto nella giornata di ieri, sabato 1° dicembre, dai manifestanti riunitisi in place De Gaulle per le proteste dei gilets jaunes, i gilet gialli, contro il presidente della repubblica francese Emmanuel Macron. Non è un caso che pur avendo quasi niente a che fare con i recenti disordini che hanno causato tre morti, centinaia di feriti e varie devastazioni soprattutto a Parigi, a questa situazione guardino con particolare favore sia la destra-destra di Marine Le Pen che la sinistra-sinistra di Jean-Luc Mélenchon. Macron ha spiegato però che, all'ascolto della "rabbia legittima, dell'impazienza e della sofferenza di una parte di popolazione che vuole vivere meglio più rapidamente", per farvi fronte intende "proseguire con maggior forza" sul cammino delle riforme. E ha potuto anche ascoltare: dall'altra parte della piazza, un gruppo con e senza gilet urlava Macron Démissions! Quello che sta accadendo "è allucinante".

Chiara Ferragni e Fedez sorprendenti: il loro gesto commuove tutti
Nel nostro Paese poche sono le persone che possono permettersi la possibilità di comprare modelli di gambe artificiali così moderni.

Share