Di Maio: 'Trattare con Ue senza tradire gli italiani'

Share

Se si vuole aprire una stagione d'inclusione nel mondo del lavoro ci vorrebbe più coerenza. "Anche a noi interessa ridurre il debito, posso capire che la Ue sia disorientata da una ricetta che va in controtendenza rispetto al passato", ma "credo troveremo un punto d'incontro senza sacrificare i cittadini che vogliono che si mantengano le promesse", ha detto. Il vicepremier ha specificato che riguarderanno solo le banche, le assicurazioni e le società del settore del gioco d'azzardo, mentre dal prossimo anno "per il 99,9% delle imprese italiane, cioè pmi e le altre grandi imprese è previsto un taglio delle tasse di 500 milioni" che "salirà nel 2020 a 2 miliardi di euro e a 4 miliardi di euro nel 2021". Lo ha detto il vice premier nonchè ministro allo Sviluppo economico e dela Lavoro, Luigi Di Maio, rispondendo ai giornalisti, a margine di una visita ad un'azienda nel Trevigiano, sulla possibilità di trattative con la Commissione europea sulla Manovra. Con la nuova misura le famiglie pagheranno la tasse dei rifiuti in base all'immondizia che producono, non in base ai metri quadri della propria casa. Gli interlocutori europei - ha assicurato - "condividono però del tutto la prospettiva italiana di assecondare una crescita che non c'è stata e una politica sociale efficiente": "Ogni volta che ci si siede ad un tavolo negoziale e, alla fine, ci si dà la mano e ci si guarda negli occhi, si è fatto un passo avanti". Il governo sta lavorando insieme ai ministri competenti e il tema sarà affrontato nei vari consigli dei ministri di dicembre.

X-Factor: fuori Sherol, Anastasio comanda in quota
Giovedì prossimo gli eliminati saranno ben due , e la gara si fa sempre più difficile. La seconda , invece, sarà un medley corale di tutti gli inediti in gara.

Infine, a margine di un incontro a Spresiano, Di Maio ha rassicurato i veneti sull'autonomia della Regione che "si deve dare il prima possibile". "I soldi ci sono - ha concluso - per far ripartire l'economia ma bisogna mettersi in testa che è proprio perché in questi anni si continuava a tagliare dai servizi essenziali, la sanità, il welfare, il motivo per cui la gente si è impoverita". "Siamo ancora in tempo per correggere la manovra da parte del governo e da parte del Parlamento, questo è il nostro auspicio".

Share