Manovra, Conte: risorse recuperate andranno a piano investimenti

Share

"Confermati gli obiettivi già fissati, in particolare sulle pensioni, sul reddito di cittadinanza e sulla tutela del risparmio".

Intanto secondo quanto si apprende da fonti di governo, si terrà domani sera il vertice di Palazzo Chigi sulla manovra tra il premier Giuseppe Conte, i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini e il ministro dell'Economia Giovanni Tria.

Nel vertice, prosegue ancora palazzo Chigi "sono stati valutati gli emendamenti di iniziativa parlamentare al ddl sulla legge di bilancio e concordati quelli che saranno oggetto di approvazione". "Le somme recuperate saranno riallocate, privilegiando la spesa per investimenti, con particolare riferimento a quelle necessarie per contrastare il dissesto idrogeologico".

Amazon diventa corriere postale: cosa cambia per le spedizioni
Con l'autorizzazione legale e la tassa da versare comune a tutti gli operatori postali arriva però anche l'obbligo della vigilanza dell'AGCOM .

Il 2,4 per cento è la soglia alla quale, alla fine di settembre, il governo aveva deciso di portare il deficit in rapporto al PIL nel 2019: tre volte la cifra promessa alla Commissione dal governo Gentiloni lo scorso aprile, e molto più dell'1,6 per cento che era considerata la soglia massima accettabile dalle autorità europee. Lo affermano in una nota Conte, Di Maio e Salvini al termine del vertice sulla manovra. In questa situazione lo spread aveva raggiunto e superato i 300 punti, il rialzo aveva danneggiato il capitale e la liquidità di numerosi istituti bancari e aveva fatto sentire i suoi effetti anche sui mutui, portando all'aumento dei tassi a cui le banche concedono il credito. Erano presenti anche i sottosegretari Laura Castelli e Massimo Garavaglia, oltre al ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro. Ma di Bernardo Bertolucci, insomma, nessuno si è ricordato.

"Con il premier italiano Conte ho avuto una buona discussione a margine del Consiglio e proseguiremo il lavoro insieme, questo è quello che mi aspetto dall'Italia e che l'Italia si aspetta dalla Francia", ha detto il presidente francese Emmanuel Macron in conferenza stampa.

Per ora l'unica cosa certa è che oggi, 27 novembre, prende il via il voto degli emendamenti in Commissione bilancio alla Camera.

Share