Spazio: la sonda InSight atterrata con successo su Marte

Share

"Potremmo dire che non c'è sonda che studi Marte senza il contributo italiano" afferma Benvenuti.

Al termine di un viaggio di 205 giorni attraverso lo spazio, il lander della NASA InSight si è posato senza difficoltà sulla superficie di Marte.

"L'antenna di Srt è una delle poche veramente attrezzate per poter seguire missioni delicate come questa di Insight", ha spiegato a Media Inaf Emilio Molinari, direttore dell'Osservatorio astronomico Inaf di Cagliari.

Dal momento in cui InSight ha raggiunto l'atmosfera rada marziana, in 7 minuti ha dovuto aprire il paracadute, separarsi dallo scudo che lo ha protetto dal calore creatosi durante la discesa per attrito con l'atmosfera stessa, tirar fuori i piedi per l'atterraggio, accendere il radar e azionare i piccoli propulsori per rallentare la discesa. Si tratta infatti della prima missione destinata a un altro pianeta a decollare dalla costa ovest degli Stati Uniti, non da Cape Canaveral, dunque, ma dalla Vandenberg air force base, in California, il 5 maggio 2018.

Le prossime tappe di NASA InSight prevederanno di dispiegare i pannelli solari per l'alimentazione delle batterie (non c'è un RTG a isotopi radioattivi) e di iniziare a fotografare il terreno nella zona circostante per esaminare al meglio la zona. Il primo segnale dovrebbe arrivare alle 21.01: a quel punto la Nasa saprà se la sonda è intatta e ben fissata suoi suoi tre piedi.

Trump: contro carovana migranti se serve usare la "forza letale"
Gli ufficiali di frontiera degli Stati Uniti hanno usato i gas lacrimogeni per respingerli. La notizia è stata per il momento smentita del nuovo governo messicano.

Perforeranno il suolo di Marte alla ricerca di attività sismica. Anche i piccoli satelliti Cubesat che viaggiavano insieme al lander, Mars Cube One A e B (MarCO), hanno inviato le comunicazioni e monitorato l'atterraggio.

Questa missione intende raggiungere il cuore di Marte per misurare la dimensione del nucleo del pianeta e i suoi strati interiori. I due veicoli, lanciati con InSight, ma indipendenti rispetto al lander, devono testare la capacità di trasmettere, in tempo reale verso la Terra, i dati prodotti da Insight, durante l'ingresso in atmosfera, la discesa e l'atterraggio.

A bordo del lander è presente anche Larri, un microriflettore italiano di ultima generazione sviluppato dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) con il supporto dell'Agenzia Spaziale Italiana.

"Insight" è seguita da due microsatelliti che orbiteranno attorno al pianeta rosso e avranno la funzione di tenere i collegamenti tra la sonda e la Terra, documentandone la discesa al suolo. Un suo gemello sarà anche sul rover di Exomars2020.

Share