Inflazione, Istat conferma accelerazione all'1,6% a ottobre

Share

L'Istat ha calcolato che nel mese di ottobre l'indice nazionale dei prezzi al consumo, al lordo dei tabacchi, ha avuto una variazione nulla rispetto a settembre, mentre è aumentato dell'1,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, in linea con le stime preliminari. La stabilità del dato congiunturale è causata dall'aumento dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (+5,8%) e non regolamentati (+1,4%), controbilanciato dalla flessione dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-2,1%) e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (-0,7%).

Considerando i primi 10 mesi dell'anno, l'inflazione 2018 acquisita, ha altresì riportato l'Istituto Nazionale di Statistica (Istat), è pari a +1,2% per l'indice generale dei prezzi al consumo, ed a +0,7% per la componente di fondo, ovverosia per l'inflazione depurata dalle componenti più volatili che sono rappresentate dagli alimentari freschi e dai beni energetici. A questo andamento si contrappongono gli ampi aumenti dei prezzi dei Beni energetici, che tornano a registrare tassi di crescita di poco superiori al 10%. Si attenuano le tensioni sui prezzi dei prodotti di largo consumo: i prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona rallentano da +1,5% a +0,7%, attestandosi al di sotto, quindi, dell'inflazione generale, mentre i prezzi dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto passano da +2,3% a +2,0%, con una crescita più sostenuta di quella dell'indice generale dovuta soprattutto ai Beni energetici non regolamentati.

Ennio Fantastichini ricoverato, è in rianimazione per una polmonite
Come fa sapere Leggo , comunque, l'attore in rianimazione non sarebbe intubato e respirerebbe autonomamente. E stato premio ciak d'oro nel 1991, nastro d'argento e ha ricevuto nello stesso anno il premio Felix .

E' soprattutto l'aumento dei prezzi dei Beni energentici a destare preoccupazione.

Share