Salvini su Higuain: "Mi auguro una squalifica pesantissima". E non è l’unico…

Share

E che attendeva con un occhio rivolto alla tribuna, verso quei dirigenti colpevoli - loro sì - di averlo messo sul mercato, presentandolo come un passaggio naturale e obbligato: ammantato di giustificazioni tecniche (la presunta impossibile convivenza con Cristiano Ronaldo), di motivazioni ambientali (come avrebbe potuto gestire Massimiliano Allegri uno spogliatoio così ricco di primedonne?) e innervato di motivazioni economiche (un affare per i soldi incassati e per l'ingaggio sbolognato ad altri). Secondo me non è neanche corretto, perché non è vero. Spinge via i suoi compagni attuali, mentre esce con le lacrime agli occhi e la maglia sulla faccia, in piena crisi di nervi, attraversando il campo, la palude dello Stige che intrappola gli iracondi.

Higuain si era subito scusato a fine partita: "Devo chiedere scusa a squadra, mister e tifosi per la reazione che ho avuto". Higuain non può certo stare in panchina in questo Milan. Su quel maledetto calcio di rigore, intanto.

Novità pensioni, Quota 100: possibili tagli sugli assegni dal 5 al 30%
A fare il calcolo l'ufficio Parlamentare di Bilancio che oggi ha simulato gli effetti della riforma. Nella legge di bilancio sono stanziati circa 7 miliardi per il progetto " quota 100 ".

Purtroppo, come spesso gli capita (tranne, guarda caso, contro il Napoli), il Pipita ha poi fallito il gol del pareggio dagli 11 metri. Gli argentini non dimenticano quello sbagliato nella finale di Coppa America contro il Cile. Tornerà a disposizione di Gattuso in campionato nel match interno contro il Torino del 9 dicembre. Soprattutto, in quella scenata all'arbitro, che vuole dire almeno due giornate di stop. L'arbitro però dovrebbe capire il momento. Stavamo perdendo, ho sbagliato un rigore e non siamo robot, siamo giocatori con emozioni.

Reattività, esplosività, senso della posizione, tempismo nelle uscite, abilità nel gioco coi piedi: sono tutti requisiti fondamentali per un grandissimo portiere, ma non sufficienti per essere un fuoriclasse.

Share