Antitrust: Ryanair e Wizz Air inottemperanti su bagagli a mano

Share

Ryanair non ha rispettato il provvedimento cautelare disposto dall'Antitrust a fine ottobre.

In particolare, spiega l'Antitrust, "dalle rilevazioni effettuate sui siti delle due compagnie, dalle relazioni da esse depositate e dalle segnalazioni pervenute da parte dei consumatori, è emerso che Ryanair e Wizz Air non hanno ottemperato all'ordine cautelare nella tempistica stabilita nei provvedimenti cautelari".

Contro si era pronunciata l'Autorità garante del mercato il 31 ottobre scorso, con una nota che invitava le compagnie a sospendere l'applicazione della nuova policy.

Secondo l'Autorità il supplemento previsto "fornisce una falsa rappresentazione del reale prezzo del biglietto e vizia il confronto con le tariffe delle altre compagnie, inducendo in errore il consumatore". Il bagaglio a mano, infatti, si legge nel comunicato dell'Agcm, "rappresenta un onere non eventuale e prevedibile per il consumatore che dovrebbe essere ricompreso nella tariffa standard".

La lezione di Mourinho: zittite Allianz Stadium e Juventus!
A fine partita ho fatto quel gesto , a freddo non lo rifarei , ma la gente mi ha insultato , ha insultato non solo me come interista, ma soprattutto la mia famiglia".

"Ora ci vogliono sanzioni esemplari - sottolinea Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori -".

L'associazione ha annunciato che presenterà "un esposto alla Procura di Roma chiedendo di porre sotto indagine le due società", come riporta Il Messaggero, e ricorda inoltre che "da oggi i passeggeri delle due compagnie aeree che hanno pagato il supplemento per il trasporto del bagaglio a mano grande (trolley), potranno chiedere la restituzione di quanto versato utilizzando l'apposito modulo pubblicato sul sito dello stesso Codacons". Non è possibile che nel nostro Paese le sospensive e le delibere dell'Antitrust siano sistematicamente violate, dalle compagnie aeree a quelle telefoniche.

Sul piede di guerra anche il Codacons: "Inevitabili saranno ora le azioni legali del Codacons a tutela dei passeggeri italiani delle due compagnie aeree. Per questo, però, urge anche una modifica legislativa, che innalzi il potere sanzionatorio delle Authority, stabilendo ad esempio il principio di sanzioni sempre superiori all'illecito guadagno".

Di fronte al comportamento dei due vettori aerei è sceso in campo anche il Codacons, per far rispettare le decisioni dell'Antitrust e in difesa dei viaggiatori.

Share