Ibrahimovic confessa: "Non volevo andare via dal Milan"

Share

Il sogno per il mercato di gennaio, in casa Milan, corrisponde al nome di Zlatan Ibrahimovic: si tratterebbe per i rossoneri di un piacevole ritorno, considerando che lo svedese ha vestito per due stagioni la maglia rossonera. La conferma è arrivata dalle parole del diretto interessato, che nel corso di una intervista al giornale Aftonbladet ha voluto raccontare alcuni aneddoti contenuti nel suo secondo libro dal titolo 'Io il calcio' . In particolare c'è un ampio passaggio relativo a quanto accadde nel 2012.

Scuola Montessori non soggetta a Ici. Sentenza Corte europea
Detto questo, è necessario distinguere la natura e le modalità con cui le attività sono condotte. Lo Stato italiano dovrà recuperare l'Ici non versata dalla Chiesa .

"Ero nella mia casa estiva di Vaxholm e tornando da una uscita in moto d'acqua vedo cinque chiamate perse di Mino Raiola (il suo agente, ndr)", racconta Ibra. MI chiede di incontrarmi ma preferisco richiamarlo. 'Ok' ho risposto. 'Leonardo ti chiamerà'. E io: "Leonardo chi?". "Poi penso a chi è Leonardo, fino a quando realizzo che era il direttore sportivo del PSG". Ho detto a Mino: non rispondo. "Dico a Mino che non risponderò perchè Galliani mi ha assicurato che non mi avrebbero venduto ". Mino mi ha semplicemente detto: "Lo so, ma ti hanno già venduto". I numeri sono buoni, 31 gol in 47 presenze, ma il livello della Super League cinese è quello che è. "Volevo rendere la vita difficile al PSG, così ho detto a Raiola di riferigli che volevo lo stesso stipendio percepito al Milan ed altre cose in maniera tale che rispondessero che stavo chiedendo troppo". Ho elencato tutti i miei desideri e quando ho finito, ho detto ad Elena che non avrebbero mai accettato, era impossibile. Dopo solo venti minuti Mino mi ha richiamato dicendo: 'Hai tutto quello che hai chiesto'. Dopo di tutto questo, non è stato possibile tornare indietro, quindi gli ho detto "ok, prepara tutto". "Quando dico qualcosa, lo faccio ".

Share