Trump avverte i Democratici: "Volete l'impeachment? Siamo pronti ad indagarvi al Senato"

Share

Così Nancy Pelosi ha festeggiato la vittoria dei democratici alla Camera ringraziando "gli incredibili, dinamici, candidati, espressione della differenza, che hanno riconquistato la Camera per gli americani". Sono più di 100. Questa la sintesi al momento delle elezioni di Medio termine negli Stati uniti. Candidata con un programma basato sulla promessa di assistenza sanitaria, riforme del lavoro e della legge sull'immigrazione, ispirato a quello del'ex candidato alla Casa Bianca Bernie Sanders, il senatore del Vermont che ieri ha vinto un nuovo mandato, la giovane di origine portoricana è diventata il volto simbolo dell'onda blu progressista che ha conquistato la Camera. "La vittoria più grande dai tempi di Kennedy nel 1962 per un partito che sostiene il presidente". Ma questa situazione avrà anche altre tre prevedibili conseguenze. Identica sorte del resto è toccata a Beto O'Rourke in Texas, malgrado la sua candidatura abbia raccolto la cifra record di 70 milioni di dollari, gran parte in piccole donazioni, e Andrew Gillum, che a 39 anni ambiva a diventare il primo governatore nero della Florida. Terzo: Trump si concentrerà di più sulla politica estera, settore in cui può prendere decisioni anche molto importanti senza dover passare dal Congresso. Ce l'hanno fatta 12 democratiche e 4 repubblicane. Ci saranno trattative serratissime dalle quali nessuno vorrà uscire sconfitto, e ognuno sarà convinto che l'intransigenza sia la strategia migliore per mettere in difficoltà l'avversario, e questo porterà a grandi tensioni e forse anche al cosiddetto "shutdown", cioè l'interruzione delle attività del governo federale. Nel voto popolare, hanno ottenuto oltre 8 punti percentuali più dei Repubblicani: ma anche questo era stato ampiamente previsto, come era previsto che (a causa del "gerrymandering" in molti stati repubblicani) anche un vantaggio di questo tipo non avrebbe garantito con certezza un'ampia maggioranza ai Democratici.

Per andare su un piano più concreto: le commissioni possono tentare di acquisire le dichiarazioni dei redditi che Trump si è sempre rifiutato di diffondere, al contrario di tutti i presidenti moderni che lo hanno preceduto (e le email di Jared Kushner in cui discute dei rapporti con l'Arabia Saudita, e quelle in cui si parla degli aiuti per Porto Rico, e quelle in cui si parla della nomina di Brett Kavanaugh, e le informazioni sulle spese ufficiali dei membri del governo, e quelle sui conflitti di interesse con i business di Trump, eccetera). Qualche correzione sui mercati si è già vista, ma con un risultato non particolarmente positivo per Donald Trump potrebbero proseguire. Naturalmente, è tutt'altro che scontato che lo facciano. "Si tratta di uno strumento troppo complesso, le persone non capirebbero", la risposta di Trump, che si è detto "non preoccupato" dall'indagine sul Russiagate: "Potrei licenziare tutti adesso, ma non voglio fermare", non voglio farlo "politicamente", ha spiegato Trump, definendo le indagini del procuratore speciale Robert Mueller come "una disgrazia", "un imbarazzo per il nostro Paese".

Maria De Filippi svela tutto: Giulia De Lellis e Irama fidanzati
Due anni dopo ha scelto di abbandonare la sua etichetta discografica per iniziare una nuova avventura ad Amici . Poi la loro storia sarebbe finita niente meno che una settimana fa, come dichiarato dalla sorella di lei.

Nel congratularsi con Pelosi, Trump "ha apprezzato l'appello allo spirito bipartisan" fatto dalla leader democratica nel suo discorso della vittoria; ha scritto su twitter il vice capo dello staff di Pelosi. Tra le facce nuove Ilhan Omar in Minnesota e Rashida Tlaib in Michigan, le prime donne musulmane a entrare nel Congresso, e Sharice Davids in Kansas, la prima nativa americana alla Camera. Mi raccomando, continuate a farvi fregare da loro anche in Italia; dunque non dando rilevanza alle procedure e al rigore, così poco di moda; fidandovi invece di La Repubblica come un tempo vi fidaste di Pannella, Bonino e Vendola, fino a convincervi che la deregulation sia libertà, che la democrazia serva solo ad assicurare governabilità, che il volere della gente lo stabiliscano i sondaggisti e i media, e che l'illegalità e l'imprecisione favoriscano il popolo e i deboli.

Share