Perché le elezioni Usa sono un referendum su Trump

Share

Dopo otto anni, infatti, i Dem hanno strappato il controllo della Camera bassa ai repubblicani, che però mantengono il controllo della Camera alta. Secondo: Trump passerà i prossimi due anni ad accusare i Democratici di fare ostruzionismo e troverà così la risposta perfetta per chi lo accuserà di non avere mantenuto le promesse. Dei 9 seggi in mano repubblicana, solo pochi sono quelli dove esiste una concreta possibilità di vittoria dei democratici.

Polis è un repubblicano progressista, che si è battuto per la sanità universale, le energie rinnovabili, l'educazione gratuita per l'infanzia.

Per andare su un piano più concreto: le commissioni possono tentare di acquisire le dichiarazioni dei redditi che Trump si è sempre rifiutato di diffondere, al contrario di tutti i presidenti moderni che lo hanno preceduto (e le email di Jared Kushner in cui discute dei rapporti con l'Arabia Saudita, e quelle in cui si parla degli aiuti per Porto Rico, e quelle in cui si parla della nomina di Brett Kavanaugh, e le informazioni sulle spese ufficiali dei membri del governo, e quelle sui conflitti di interesse con i business di Trump, eccetera).

Native americane e ispaniche - Così come Sharice Davids, in Kansas, e Deb Haaland, in New Mexico, sono le prime native americana ad approdare al Congresso, anche in questo caso per i democratici. Da Beyoncé a Nick Jonas, da Zendaya a Taylor Swift (che ha fatto il suo personale endorsement al senatore Phil Bredesen), tantissime sono le star che hanno utilizzato i propri social network per documentare il proprio impegno civico.

Guerra commerciale: da Trump e Xi ottimismo per possibile accordo USA-Cina
Intanto, il Dipartimento di Giustizia ha annunciato l'ultima di una lunga serie di azioni contro il presunto furto di proprietà intellettuale da parte della Cina.

Tornano alle urne i cittadini degli Stati Uniti, chiamati al voto per designare i loro rappresentanti al Congresso, nel corso delle elezioni di metà mandato. Al di là delle conclusioni politiche o giudiziarie di queste indagini, saranno sicuramente una grande distrazione e potenzialmente un grande imbarazzo per la Casa Bianca e i Repubblicani. L'italo-americana Nancy Pelosi aveva fatto storia nel 2007 diventando la prima speaker donna della Camera e sembra ansiosa di tornare al timone, ma in seno al partito dell'Asinello c'è chi preme per un cambio generazionale. Impossibile insomma capire la misura reale dello spostamento del voto popolare verso i democratici, riflesso dalla conquista della Camera. Se il presidente vuole combinare qualcosa a livello legislativo, entro questo mandato, deve convincere i democratici o condannarsi alla paralisi. Per gli esagitati che lo ritengono possibile, è la Camera che promuove l'impeachment del presidente (ma il Senato lo deve approvare con una maggioranza di due terzi). Il congresso lo contrasterà su temi cruciali: immigrazione, riforma sanitaria. Tradizionalmente, in una situazione del genere, la politica americana procedeva, anche spedita, con una serie ininterrotta di trattative e compromessi, che giustificavano e premiavano le anime moderate dei due partiti.

Quale futuro vede per il presidente Trump?

Pochi credono che sarà la sua scelta. Viene confermato così che si è trattata un'affluenza superiore alla media per le elezioni di midterm, cioè non presidenziali, che solitamente supera di poco il 40%. Non saranno, per nessuno, due anni facili.

Share