Paola Egonu e quella straordinaria lezione sulla leggerezza

Share

"Dopo la partita ero in lacrime, sono tornata in albergo e ho chiamato la mia fidanzata".

E alla giornalista che le fa notare la semplicità con cui parla della sua omosessualità, la schiacciatrice risponde a tono: "Infatti, lo trovo normale". Paola Egonu, però, non si accontenta e ripensa con rammarico all'edizione da poco conclusa: "Sono stata male, potevamo fare meglio".

È stupita da chi si stupisce della multietnicità della Nazionale, Egonu, che ha lasciato casa a 13 anni per amore del volley: "Siamo italiane". Paola ha schiacciato il pallone della banalità parlando tranquillamente della sua fidanzata, senza clamore e senza porgere il profilo giusto alla telecamera; ha raccontato di come la sua compagna le abbia insegnato "a capire che dalle sconfitte dolorose si può sempre imparare qualcosa" e in fondo - pensateci - è esattamente quello che chiediamo a chi ci sta vicino e condivide il nostro percorso: essere accanto a noi, renderci migliori di quello che siamo.

La 19enne, diventata un vero e proprio simbolo e idolo dei fan della nazionale azzurra di pallavolo, racconta che la dedizione e la forza d'animo hanno avuto un ruolo importante nel successo della squadra. Papà disse: prova uno sport. Poi il racconto della delusione ai Mondiali.

Napoli di goleada ma Ancelotti è furente
A dir la verità nonostante il risultato pesantissimo la squadra toscana al San Paolo non ha sfigurato, anzi. Era il 19 Agosto. "Loro hanno avuto più controllo della partita e questo non va bene.

"È la realtà. Il bimbo non s'accorge del colore che ha finché, a scuola, una maestra dice che è nero o giallo".

Non tutti però la pensano come lei, come dimostrano i diversi episodi di razzismo raccontati dai giornali nel corso dei mesi e che la stessa pallavolista ha vissuto sulla sua pelle. In questi tempi cialtroni e farlocchi, Paola Egonu è l'esempio massimo di leggerezza applicata alla vita, ovvero il più faticoso ma anche il più gratificante degli sport che conosciamo. Non lo so. Lo sto scoprendo ora, forse. Nasciamo con l'amore della mamma che vorrebbe fossimo protetti per la vita. Penso che l'amore sia in tutto.

E in un mondo che ancora vede con stranezza cose che non dovrebbero esserlo, Egonu precisa: "Ho una fidanzata".

Share