Cassano la spara grossa: "Icardi nel ’99 non avrebbe giocato nell’Inter"

Share

Il classe '82, che ha vinto lo Scudetto col Milan nel 2011, ha raccontato al Secolo XIX un calcio che a suo dire non esiste più, lontano anni luce da quello attuale: "A quei tempi il calcio italiano era fatto di tanti numeri 10, Baggio, Totti, Del Piero, io, e tanti bravi difensori". Adesso impera il guardiolismo, ma di Pep Guardiola ce n'è uno nel mondo.

L'aspirazione di Fantantonio è quella di restare nel calcio, magari come dirigente: "Vorrei fare il ds". Non so se potrei essere un buon direttore sportivo, sicuramente mi piacerebbe contribuire a costruire un progetto nella mia visione di calcio. I suoi modelli? "Piero Ausilio dell'Inter che è un top club e Giovanni Rossi del Sassuolo che è un club all'avanguardia". Parliamoci chiaro, non ho mai negato che la Sampdoria sia stata la squadra, la società che mi ha cambiato la vita. Al prossimo corso a Coverciano mi iscrivo e partecipo, in seguito spero di trovare qualcuno che possa darmi fiducia. Ferrero è un presidente molto sveglio come piace a me, che sa muoversi.

Toninelli parla a Confitarma: "Ottocento milioni per Genova"
Il ministro contesta la tesi del Commissario per la Tav , Foiella, secondo cui il blocco dell'opera costerebbe 2 miliardi di risarcimento all'Italia: "Direi che non è una cifra che sta in piedi ".

Queste le sue parole: "Era la mattina della partita, eravamo in ritiro, Mazzarri porta sul terrazzo Padalino e Ziegler per parlargli della partita, con la sigaretta in bocca". Quando dico che il livello della A è modesto non voglio essere snob, è un mio pensiero parametrato ai miei tempi. Dalla sala della colazione gli dico 'basta fumare' ma lui reagisce e mi risponde male. Decido di non giocare, poi cambio idea e vado direttamente allo stadio. "Se Icardi fosse stato all'Inter si sarebbe trovato davanti Ronaldo e Vieri, avrebbe giocato?". "Avevo l'accordo con il Genoa di Preziosi, poi il mio procuratore mi chiamò dicendo che anche la Sampdoria mi voleva. Mi svegliano nel riscaldamento, alla fine scendo in campo e faccio la differenza con un goal e due assist".

Share