Cina: riapre commercio 'prodotti' tigri

Share

"Anche le vendite di prodotti con ingredienti contenenti rinoceronte, tigre e i relativi prodotti saranno classificate come illegali".

Sia le ossa di tigre che corni di rinoceronte sono stati rimossi dalla farmacopea della medicina tradizionale cinese nel 1993 e nel 2010 la Federazione mondiale delle Società di medicina cinese aveva esortato i suoi membri a "non utilizzare le ossa di questo felino minacciato o altre parti di specie in via di estinzione".

La Cina allenta il bando sul commercio di corna di rinoceronte e ossa di tigre, che da oggi potranno essere venduti in base a "circostanze speciali" e "sotto stretto controllo".

La Cina apre all'utilizzo di corni di rinoceronte e di ossa di tigre. Sarà necessaria un'autorizzazione speciale per l'uso di questi prodotti, secondo la circolare. Il governo ha detto che il commercio di prodotti legati a tigri e rinoceronti sarà strettamente sorvegliato e che sarà permesso vendere e comprare solo prodotti derivanti dall'uccisione di animali allevati. Le forme in polvere di corno di rinoceronte e ossa di tigri morte possono essere utilizzate in ospedali qualificati solo da medici qualificati riconosciuti dall'amministrazione statale della medicina tradizionale cinese. I mandati governativi registrano chiaramente l'inventario attuale dei prodotti e quelli delle singole collezioni. Quindi non solo è stato legalizzato l'uso a scopo medico di parti di tigre e corno di rinoceronte ma anche il commercio interno di oggetti antichi ricavati da questi animali. Nuwer ha sempre sostenuto che il commercio di prodotti legali a rischio di estinzione fornisce una copertura per quelle parti di animali che sono stati uccisi illegalmente.

Morto Carlo Giuffrè, teatro in lutto
Due anni dopo la coppia debuttò con Eduardo De Filippo , interpretando la maggior parte delle commedie napoletane dell'autore. Nato il 3 dicembre 1928 ebbe successo anche grazio al sodalizio con il fratello Aldo, scomparso nel 2010 .

"È profondamente preoccupante il fatto che la Cina abbia annullato un divieto, durato 25 anni, sulla commercializzazione di ossa di tigre e corno di rinoceronte". La legalizzazione di questo commercio avrà conseguenze devastanti a livello globale.

Questa liberalizzazione subentra a un divieto totale imposto nel 1993.

"Con popolazioni di tigri e rinoceronti così scarse in natura e di fronte al proliferare delle minacce, il commercio legalizzato di queste loro parti è una scommessa troppo grande", ha chiarito Margaret Kinnaird del Wwf in una dichiarazione dell'organizzazione di Washington.

"Questa decisione sembra contraddire la leadership che la Cina ha dimostrato di recente nell'affrontare il commercio illegale della fauna selvatica". "Questi allevamenti rappresentano un alto rischio per la conservazione delle tigri selvatiche, complicando l'applicazione e aumentando la domanda nei prodotti di tigre".

Share