"Giustizia per Desirée": oggi l'ultimo saluto alla 16enne uccisa a San Lorenzo

Share

Il giorno dei funerali di Desiree ha due gesti di un unico saluto, l'ultimo per la sedicenne stuprata e trovata morta la scorsa settimana in un capannone nel quartiere San Lorenzo, nella capitale.

All'esterno della chiesa alcuni giovani hanno aperto uno striscione con lettere dai caratteri utilizzati dagli ultras e con la scritta: "Giustizia per Desiree!". Presenti anche le autorità, il sindaco di Cisterna di Latina Mauro Carturan e il presidente della provincia Carlo Medici. A tenere l'omelia, in alcuni momenti davvero molto toccante, è stato Don Livio, da anni parroco di San Valentino: "Non avrei mai pensato che un giorno sarei stato io stesso a darle l'ultimo saluto dopo che Desirèe in questa chiesa aveva ricevuto da me la prima Comunione". Tanti gli applausi hanno accompagnato la bara bianca tra le note di 'Per te' di Jovanotti. L'appello di don Fabiani è a "intervenire a tempo debito contro ogni forma di violenza senza aspettare che esploda e che si ripeta ciò per cui oggi stiamo piangendo". Tu volevi dimostrare che stavi crescendo e che volevi scegliere con la tua testa.

Attendere un istante: stiamo caricando il video.

S&P conferma rating dell'Italia BBB, negativo l'outlook
Fino ad allora, la Banca d'Italia finanziava il Tesoro sottoscrivendo l'invenduto nelle aste di debito pubblico . S&P ritiene inoltre che le politiche fiscali del governo non consentiranno al rapporto debito pil di diminuire .

"Giustizia per Desirée" e "Non ti dimenticheremo". "Facciamo loro sentire la nostra vicinanza e il nostro affetto, erchiamo di ricevere, nella gioia e nel dolore, il messaggio umano e cristiano che deriva da questo nostro stare insieme". Ripenso a quella frase: "Meglio lei morta che noi in galera" (che sarebbe stata pronunciata dai suoi aguzzini). Non si rendono conto di cosa significhi. "Aiutaci Desy, tu da lassù lo puoi fare". In strada, legati ai cartelli e ai pali della luce, ci sono palloncini rosa e bianchi e sul sagrato della chiesa tra le tante corone di fiori anche quella della Regione Lazio. Gli abbracci, le lacrime, il dolore composto dei familiari che lentamente risalgono in auto per seguire il feretro al cimitero.

In occasione delle esequie il Comune di Cisterna ha proclamato il lutto cittadino, con bandiere a mezz'asta sugli edifici pubblici e le scuole e la sospensione di tutte le manifestazioni in programma. Un invito anche ai commercianti della città ad abbassare le saracinesche durante la cerimonia funebre.

Share