S&P conferma rating dell'Italia BBB, negativo l'outlook

Share

L'agenzia di rating rivede però l'outlook al ribasso, da stabile a negativo. "E' chiaro - dice - che la nostra battaglia continuerà, come è chiaro che tutti i portavoce locali del M5S che hanno fatto campagna elettorale qui e che sono diventati addirittura ministri grazie ai voti del popolo del movimento No Tap, si devono dimettere adesso".

Per S&P poi i target di crescita del governo "eccessivamente ottimistici". Fino ad allora, la Banca d'Italia finanziava il Tesoro sottoscrivendo l'invenduto nelle aste di debito pubblico.

Nel motivare la decisione, Moody's aveva sostenuto che le cause del declassamento di un notch del rating italiano sono imputabili a "un indebolimento della politica fiscale con un deficit di bilancio più alto per i prossimi anni che l'agenzia aveva assunto in precedenza". Il giudizio sulla manovra tuttavia non è certo esaltante.

Immigrazione, Trump telefona a Conte: "Al 100% con voi sulla linea dura"
Il presidente Trump fino ad oggi ha dato la colpa ai media e alle fake news le notizie false che avrebbero contribuito ad alimentare il clima di tensione che avrebbe portato ad episodi di violenza.

FITTO: OPERA LEGITTIMA. LO SAPEVAMO, LO SAPEVANO I GRILLINI CHE HANNO PRESO IN GIRO GLI ELETTORI - Dichiarazione del presidente di Noi con l'Italia, on.

- BANCHE: L'aumento dei rendimenti sui titoli di stato italiani ha effetti negativi sull'accesso delle banche ai finanziamenti sul mercato dei capitali: "un ulteriore aumento dei rendimenti potrebbe ridurre la capacita' delle banche di finanziare l'economia italiana". S&P ritiene inoltre che le politiche fiscali del governo non consentiranno al rapporto debito pil di diminuire. Quindi metterle in difficoltà creerebbe una sorta di effetto boomerang. Se la previsione di crescita del governo era dell'1,5% per il 2019, l'agenzia di rating la fissa all'1,1% sia per l'anno in corso e sia per il 2019. La decisione è meno grave di quanto si sarebbe potuto temere. "Il cambiamento sta arrivando". E quello di Salvini: "È un film già visto - ha scritto su Twitter - Le agenzie di rating non si sono accorte della crisi mondiale? Questo potrebbe disincentivare chi cerca lavoro anche se verrà accompagnato da una riforma delle agenzie per l'impiego". "In Italia non saltano né banche né imprese". L'outlook è infatti sceso a "negativo" dal precedente "stabile". I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti.

Lunedì come reagiranno i mercati?

Share