Tap, tensione nel governo: tre parlamentari M5s contro Conte

Share

"L'opera è legittima", è l'esito dell'esame condotto su oltre mille pagine e durato dieci giorni, al termine del quale il ministro Sergio Costa ha comunicato che "anche nei punti contestati non sono emersi profili di illegittimità". Non abbiamo riscontrato elementi di illegittimità.

Ora invece, che c'è un governo con la schiena dritta che vuole fare veramente gli interessi dell'Italia e farsi rispettare, quelli 'che contano e che pesano' l'hanno presa molto male per l'imprevisto, e hanno cominciato a tirar fuori l'arma contundente che ha sempre funzionato, quello spread che pensavano che anche questa volta avrebbe ridotto all'obbedienza chi aveva osato ribellarsi.

"Oggi ho trasmesso al premier Giuseppe Conte le valutazioni di legittimità svolte dal ministero dell'Ambiente sulla Valutazione di impatto ambientale rilasciata dallo scorso governo sul progetto Tap".

La valutazione fatta dal ministero dell'Ambiente "esula dal mio pensiero personale e dal mio convincimento politico, se l'opera sia giusta o no" ha ribadito il ministro Costa. "E' bene sottolineare che parliamo di un procedimento gia' autorizzato e concluso nel 2014, su cui si e' espresso il Consiglio di Stato con sentenza 1392 del 27 marzo 2017 confermandone definitivamente la legittimita'". "E' arrivato il momento di operare le scelte necessarie e di metterci la faccia", ha scritto Conte in una nota. Da quando ci siamo insediati abbiamo fatto quello che non è mai stato fatto in precedenza.

Draghi: "Bce non si piegherà a Roma"
"Certamente questi bond sono nel portafoglio delle banche , se perdono valore intaccano il capitale delle banche ", ha aggiunto. Draghi ha anche osservato che per ora non si assiste ad alcun contagio.

Con le buone equivale a dire cosa doveva o non doveva fare il governo, il quale si segnava i compiti da fare a casa e poi bravo bravo li faceva con tremore e con il timore che scappasse qualche errore ed essere poi, garbatamente e duramente allo stesso tempo, redarguito pubblicamente e dover quindi procedere con vergogna alle dovute correzioni sopportando il pubblico disprezzo.

"Tuttavia, come è stato detto, abbiamo ascoltato tutte le osservazioni provenienti dal territorio, sia dai portavoce del Movimento 5 Stelle sia dal comune di Melendugno - prosegue Costa - Abbiamo valutato se tutte le autorizzazioni fossero state emesse a norma di legge". "Prometto un'attenzione speciale alle comunità locali perché meritano tutto il sostegno da parte del governo", conclude. "Il risultato di questo lavoro e' ora nelle mani del Presidente del Consiglio per le opportune valutazioni che il governo dovra' esprimere", spiega il ministro Costa. "Dopo un'altra Valutazione d'impatto ambientale sul gasdotto Tap, perfettamente inutile come avevamo sostenuto, che ha nuovamente escluso ogni profilo d'illegittimita', i lavori possono e devono riprendere piu' veloci di prima, per concludere un'opera strategica per il fabbisogno energetico del nostro Paese". La richiesta di dimissioni riguarda gli esponenti del Movimento Cinque Stelle, che proprio sul tema Tap hanno giocato le campagne elettorali degli ultimi anni in Salento.

Nel pomeriggio a Melendugno è prevista un'assemblea pubblica degli attivisti mentre domattina davanti alla Torre di San Foca, ci sarà una manifestazione di protesta indetta dal movimento.

Gli antifascisti di oggi, non permetteranno, come hanno fatto quelli di ieri, che i fascisti di oggi, camuffati da antifascisti, riescano a prevalere nei loro intenti di assoggettare e sfruttare a loro piacimento la parte più debole del nostro popolo.

Share