Midollo, serve donatore per salvare Alessandro: sabato incontro a Napoli

Share

Chiede aiuto per il piccolo di casa, Alessandro Maria, un anno e mezzo.

Quando le cose stavano finalmente andando un po' meglio ed ero felice nel trascorrere la mia prima vacanza al mare con mamma e papà, purtroppo ho iniziato a star male di nuovo.

La "sentenza" dei medici è stata impietosa: "Trattasi di Linfoistiocitosi Emofagocitica, comunemente conosciuta in medicina come Hlh, una malattia genetica rarissima che colpisce solo lo 0.002% dei bambini, e che non lascia speranze di vita senza trapianto di midollo osseo con un donatore compatibile in tempi rapidissimi".

Sulla pagina Facebook dedicata al loro bambino i genitori rivolgono un appello a tutti, mamma Cristiana è originaria di Napoli, papà Paolo di Colà di Lazise, da anni vivono a Londra ma si rivolgono anche e soprattutto all'Italia per trovare qualcuno che possa salvare il loro bambino. Pensa, ho iniziato a far disperare i miei genitori fin da subito visto che sono nato alla settimana n. 30 e, sebbene i dottori mi avessero già dato per spacciato, ho combattuto come un ariete (il mio segno zodiacale) contro una serie infinita di complicazioni per essere ancora qua.

Osborne Clarke con Cristian Brocchi nell'accordo con il Monza 1912
Eravamo stati noi a portare la filosofia del Milan ai milanisti, ora questa filosofia è tornata dopo una pausa". L'avvocato Cantamessa mi ha detto di riferire che a gennaio vedremo che cosa succederà, è un buon giocatore.

Sulla pagina Facebook è stato postato anche un video che spiega bene chi e dove si può fare la donazione di midollo. Secondo i medici, molto probabilmente ci restano solo cinque settimane per poter trovare una persona che abbia il midollo compatibile.

Bambino di un anno e mezzo colpito da malattia rarissima: ha bisogno immediato del trapianto di midollo osseo o morira entro il 5 novembre, si cercano donatori compatibili 23 ottobre 2018 - agg. Ma il grande lavoro lo sta facendo l'Admo, l'Associazione donatori midollo osseo, che sta organizzando campagne nelle principali città italiane. Le cellule staminali, infatti, possono essere donate con un semplice prelievo del sangue, con la stessa siringa che si usa quando si va a donare il sangue, ma con l'unica differenza che mentre i gruppi sanguigni sono 8, le combinazioni di midollo osseo sono miliardi e solo una procedura di laboratorio nota come tipizzazione tissutale ne può determinare la compatibilità.

L'appuntamento è anzitutto a Milano, oggi e domani, in piazza Sraffa. In diverse piazze da sud a nord d'Italia sarà possibile lasciare i propri campioni salivari per avere le speranze che si trovi il giusto donatore.

Share