Carovana migranti: minacce di Trump alimenteranno i flussi migratori

Share

Durante la visita a Elko, in Nevada, il presidente Trump ha rivelato l'intenzione di ritirare gli Stati Uniti dal trattato sul disarmo e sul controllo delle armi nucleari con la Russia. Non è un vintage alla moda ma terrore puro, altro che jihad. Dopo essere entrati in Guatemala si sono diretti verso il Messico, ma alla frontiera sono stati in gran parte fermati dalle autorità messicane: circa mille sono ancora bloccati sul ponte sul fiume Suchiate al confine fra Guatemala e Messico, nella speranza di riuscire a entrare legalmente consegnando uno a uno le richieste di asilo che il Messico chiede loro di presentare per lasciarli entrare; altri, invece, sono riusciti a entrare in Messico superando anche a bordo di canotti il fiume e domenica hanno dormito in territorio messicano per la seconda notte consecutiva.

Dal Cremlino è arrivato l'annuncio che la Russia "non attaccherà mai nessuno per prima" in caso di guerra nucleare e "non si riserva il diritto di un attacco preventivo".

Ovviamente dobbiamo augurarci che Trump venga fortemente ridimensionato nelle elezioni ormai vicine di mid-term, e che le future elezioni presidenziali voltino definitivamente pagina, ma teniamo comunque conto che la sua presidenza ha già cambiato molto profondamente la situazione sia interna che a livello mondiale e ci lascerà comunque un mondo peggiore e più instabile che dovremo faticare molto a recuperare.

Trump non ci sta - Donald Trump aveva minacciato qualche giorno fa di mobilitare l'esercito per impedire alla carovana di arrivare negli Stati Uniti e ora reitera il suo avvertimento su Twitter.

Khashoggi, l'Arabia ammmette l'omicidio in consolato. ll NYT: "Strangolato"
La spiegazione data dai sauditi sulla morte di Khashoggi per il presidente americano Donald Trump "e' credibile". Intanto proseguono le ricerche del corpo.

Con la fondamentale differenza che Trump pur con i suoi boriosi e strafottenti atteggiamenti sta nutrendo un ciclo economico tendente alla pacificazione e molto meno interventista sul piano militare (con relative montagne di investimenti e spese per armamenti ) di quanto fatto dal suo predecessore. Utili che crescono ad un ritmo inferiore portano come a multipli di borsa inferiori e dunque rendono probabili sempre più frequenti e importanti correzioni per Wall Street, pur in presenza di rimbalzi e magari nuovi massimi storici degli indici. Parole che non scalfiscono minimamente Trump, secondo il quale, i russi " hanno violato per molti anni" il trattato.

L'amministrazione Usa, in particolare, lamenta il dispiegamento da parte di Mosca del sistema missilistico 9M729, che secondo Washington ha una gittata di oltre 500 km, in violazione del Trattato INF.

È una delle pietre miliari del disgelo che portò alla fine della guerra fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica. "E' cosi' difficile capire che il rifiuto di tali accordi e' una mancanza di saggezza?" ha detto Gorbaciov. Gli insider che hanno parlato con Swan - solitamente fonti di alto livello ad elevata affidabilità, che per ruolo e delicatezza dei temi scelgono l'anonimato - spiegano che la nuova regola di ingaggio contro Pechino è totale - e il concetto l'ha spiegato il vice presidente americano Mike Pence in un discorso i primi di ottobre.

Gli Stati Uniti sono pronti ad intercettare ed abbattere i missili russi di medio raggio dispiegati in violazione del trattato Inf e che potrebbero colpire i Paesi Nato in Europa, o l'Alaska in America.

Share