F1, Austin: Vettel e Raikkonen davanti nelle ultime libere

Share

Le speranze mondiali di Sebastian Vettel si affievoliscono ancora di più: al tedesco della Ferrari è stata comminata una penalità di tre posizioni in griglia per non aver rallentato a sufficienza in regime di bandiera rossa. Qui ci voleva un giro solido, il primo è stato discreto, il secondo meglio. "È sorprendente essere così vicini, non ce l'aspettavamo, ma meglio così" aggiunge il ferrarista, che però domenica dovrà partire quinto per la penalizzazione ricevuta ieri: "Ma saprò come comportarmi". La pista è incredibile era un po' verde all'inizio, ma poi si è gommata.

Salvini contro l'Ue: "Noi non siamo fantocci, non possono ricattarci"
Non vedo l'ora che arrivi maggio per mettere al centro il diritto al lavoro, alla vita e alla sicurezza". "Questo regime sanzionatorio non ha alcun senso" e non ha conseguenze positive.

La sensazione nel dritto è incredibile, nelle S è una sensazione da Las Vegas. Li avrei potuti prendere. È stato complicato. Oggi asciutto, ma il vento è stato insidioso. Sei centesimi si possono trovare ovunque e si può discutere all'infinito su dove li ho persi, ma sono abbastanza contento del giro che ho fatto. "In realtà forse sono stato un pochino troppo lento ma alla fine va bene così, è stata una giornata molto positiva, ci siamo avvicinati molto, la posizione non è quella ideale ma ci riproveremo domani, la gara è lunga". La Ferrari ormai è entrata in un vortice negativo da cui non è semplice uscire, ma la macchina resta comunque competitiva (anche se non al pari delle Frecce d'Argento in questo momento) per giocarsi la vittoria di tappa negli ultimi quattro appuntamenti della stagione.

Share