Il film "Sulla mia pelle" sarà proiettato a Fasano

Share

"Quella maledetta porta si sta aprendo, è solo un'udienza e non una sentenza, ma auspico che si arrivi alla verità e alla giustizia", ha dichiarato Cremonini all'Ansa.

Ilaria Cucchi rivela che il padre di Stefano guarda ripetutamente il film "Sulla mia pelle" nella speranza di poter cambiare il tragico finale.

Alla luce di quanto sta avvenendo nelle aule giudiziarie in cui il processo per la morte di Cucchi va avanti senza sosta, la proiezione del film Sulla mia pelle rappresenta quasi un atto di obbedienza civile.

Arrestato Rodrigo Alves il Ken umano, opinionista di Barbara D’Urso: ‘Aveva…
Mi hanno appena fermato e quando hanno visto il passaporto , hanno detto che non sono la stessa persona. Ed ecco allora che in molto si sono chiesti se sia stata tutta una montatura.

Il film prodotto da Cinemaundici e distribuito da Lucky Red fa il suo ingresso ufficiale nelle sale cinematografiche e, contestualmente, è reso disponibile in streaming da Netflix: una sinergia distributiva azzeccata e vincente che ha permesso alla pellicola di entrare prepotentemente nelle case e nelle coscienze di tutti noi e forse anche in quella di uno dei carabinieri accusati del pestaggio, che oggi per la prima volta ha ammesso la violenza ai danni di Cucchi. Introduzione alla pellicola alle 18 nell'auditorium Terzani della biblioteca comunale San Giorgio, con collegamento skype con la sorella Ilaria Cucchi (impersonata nel film da Jasmine Trinca) ed il legale della famiglia Fabio Anselmo, in collaborazione con l'associazione "Stefano Cucchi".

"Sto leggendo con le lacrime agli occhi quello che hanno fatto a mio fratello" sottolineava ieri dopo l'udienza, che ha dato finalmente una svolta a questo iter processuale durato 9 lunghi anni. Alessio Cremonini ha ricostruito con sapienza, maestria e cura maniacale dei particolari il dramma interiore e la solitudine di un uomo lasciato in balìa di se stesso e di chi avrebbe dovuto tutelarlo. Lo Stato deve chiederci scusa.

Share