Cinema Flora, Alessandro Borghi presenta "Sulla mia pelle"

Share

Gli disse: "Dì a mia sorella che sto bene adesso, dille di andare avanti anche se, probabilmente, non saprà mai quello che mi è capitato e non avrà mai giustizia per la mia morte".

"Cremonini venne a trovarci a casa mia e di Fabio Anselmo, l'avvocato che segue il nostro caso da sempre e che oltre al nostro segue quelli di altre "vittime dello Stato". Cremonini, ci raccontò la sua idea di sceneggiatura con gentilezza, rispetto e in punta dei piedi; la sua riservatezza ed onestà ci convinse.

"Quella era la mia idea di Stefano".

Come avete affrontato questa decisione?

"Negare il ruolo economico e sociale della sala cinematografica, imponendo unilateralmente le condizioni per le uscite contestuali sala-streaming", recita un comunicato Anec, Anem, Fice e Acec, "vuol dire accettare che i festival e le sale diventino solo un passaggio tecnico finalizzato esclusivamente alla promozione delle offerte in streaming".

"Emozioni fortissime innanzitutto perchè questo film è tremendamente vero". Impaurito. Proprio come deve essersi sentito Stefano Cucchi. Si tratta di una pellicola di genere drammatico del 2018, diretta da Alessio Cremonini, con Alessandro Borghi e Jasmine Trinca.

"Assolutamente sì. Uno dei più gravi problemi di questa nostra Italia è quella forma mentis che spinge alcune persone a sentirsi migliori di altre". Non abbiamo mai voluto dipingere Stefano come un "santo", tantomeno farlo diventare un "eroe".

Playstation: Sony sta lavorando ad una nuova console
Ci sono anche i primissimi leak legati alla filosofia della piattaforma, che guarderà al mondo esport . PlayStation 5 riuscirà a raccogliere l'importante eredità delle sue sorelle maggiori?

Un film che si dimena, che grida, che corre velocissimo, per far sì che il suo messaggio venga ascoltato.

La prima del film si è rivelata un gran successo, il pubblico in sala era commosso almeno quanto l'attore protagonista Alessandro Borghi che non ha saputo trattenere le lacrime tra gli applausi del pubblico e gli abbracci del cast e della famiglia Cucchi.

POLIZIOTTO: Quando la smetteremo di raccontar sempre 'sta stronzata delle scale. "Nell'interpretazione di Borghi rivedo davvero Stefano".

Un film che ti lascia senza fiato ed appeso per tutti e 100 i minuti, nonostante tutti sappaimo la sorte alla quale Stefano sia andato incontro.

Una "fiction", però fatta anche con il cuore?

Un film sulla morte di suo fratello Stefano. A chi, invece, fomenta odio e provoca semplicemente non rispondo. Ciononostante, vari testimoni hanno affermato che il ragazzo sia stato picchiato dagli agenti della polizia penitenziaria. Stefano l'ho "strumentalizzato" e continuerò a farlo. Oggi ciò che conta è l'Associazione Stefano Cucchi onlus nata dall'esigenza di creare qualcosa che potesse essere utile a tante persone. Le foto della Diaz, così come l'ultimo toccante ritratto di Cucchi, sono tornate più e più volte sui quotidiani, commentate dai cronisti televisivi, rimbalzate sui social, accompagnate da slogan. In tanti conoscevano Stefano, il ragazzo di buona famiglia che lavorava con suo papà prima del tragico evento.

Share