Def, l'Ufficio parlamentare di bilancio lo boccia. M5S: "Atto di guerra"

Share

A parte la mancata validazione dell'Ufficio parlamentare bilancio, la nota di aggiornamento del Def ha incassato le valutazioni negative di Bankitalia e Corte dei conti.

(Teleborsa) - L'Ufficio Parlamentare di Bilancio non ha validato la previsione sul PIL del 2019 contenuta nella Nota di aggiornamento del DEF giudicandola "eccessivamente ottimistica". In particolare, ha spiegato il presidente dell'Ufficio Giuseppe Pisauro, per "le deboli tendenze congiunturali di breve termine, che rendono poco realistiche forti trend al rialzo rispetto allo scenario tendenziale del prossimo anno" e per "la possibilità che nelle attese degli operatori di mercato lo stimolo di domanda ingenerato dall'espansione dell'indebitamento venga limitato dal contestuale aumento delle turbolenze finanziarie".

Microsoft sblocca update di Windows 10
Il rilascio della nuova versione del feature update è prevista per i prossimi giorni anche se Microsoft non ha fornito una data precisa.

"Nel caso lo sforzo di bilancio per il 2019 venisse confermato nel Documento programmatico di bilancio (DPB) e se tale sforzo fosse giudicato dalla Commissione Ue chiaramente al di sotto di quanto raccomandato dal Consiglio a luglio (aggiustamento strutturale di 0,6 punti), essa potrebbe considerare come "particolarmente grave" il mancato rispetto delle regole del Patto". "Ascoltiamo tutti ma gli italiani ci chiedono di tirare dritto", ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini. Si tratta di Pietro Grasso e Laura Boldrini: nell'aprile del 2014 durante il governo Renzi.

Sulla stessa linea Luigi Di Maio a Radio Anch'io: "Lunedì si vota il nuovo decreto fiscale, ci saranno 50 milioni di euro per gli sfollati di Genova, una somma che permetterà al commissario Bucci di avviare i rimborsi alle famiglie". Cosa potevamo aspettarci da un organismo che risponde ancora ad una ex maggioranza oggi ridotta a rabbiosa opposizione? Ora - spiegano i 5 Stelle - il governo stima una crescita per il 2019 di soli 0,6 punti più alta di quella prevista a bocce ferme (+1,5 invece di +0,9) nonostante le tante misure espansive proposte (investimenti produttivi, reddito di cittadinanza, detassazione per le imprese). "L'errore che fanno sia Fmi che Bankitalia è mettere la stabilità finanziaria come presupposto dello sviluppo, io dico che devono andare almeno di pari passo". Ci boccia le stime! - prosegue il post -. "Senza se e senza ma". "I livelli di deficit non cambiano", ha aggiunto. I leader dei due partiti di governo si presentano assieme fuori da palazzo Chigi, dove si tiene un vertice proprio sulla legge di bilancio, e dicono: "Le ricette approvate dai governi passati hanno portato al disastro, noi andiamo avanti e cresceremo anche di più del previsto".

Share