Ronaldo: Spiegel, centinaia di documenti a sostegno della violenza

Share

CR7, approfittando dei tre giorni di riposo concessigli da Massimiliano Allegri, è volato con la famiglia in Portogallo per incontrare gli avvocati, tra questi Ronaldo si è affidato anche ad un noto penalista di Las Vegas, David Chesnoff, che in passato ha difeso, tra gli altri, Mike Tyson. "Ci sono violenze di prima, seconda, terza fascia - si leggeva nel messaggio sui social che ha scatenato un putiferio -". Questione di prospettiva. Un no, anche di una putt. - perché anche lei ha diritto di dire no - non vale nulla, è merce. Ma così non è stato e mentre si muove la causa civile (la Mayorga ha chiesto un risarcimento per danni), potrebbe aprirsi un fronte penale, con la richiesta da parte delle autorità statunitensi di estradare Ronaldo per processarlo. Altrettanto veloci sono stati però i legali del calciatore: il portoghese Carlos Osório de Castro, lo studio Schillings di Londra, la Lavely&Singer di Los Angeles e Richard Wright, un super avvocato di Las Vegas con una parcella oraria di oltre 400 dollari.

Già allora, in quel giugno del 2009, ci fu un fitto scambio di email tra i legali che chiamavano Ronaldo "il bambino".

Dagli Usa continuano ad arrivare accuse, dall'Europa si alzano le voci a difesa. A scendere in campo chiedendo la presunzione d'innocenza è il Primo Ministro portoghese Antonio Costa in un'intervista televisiva.

La Ferragni e l’acqua da 8 euro: è polemica
" Evian e Chiara Ferragni uniscono le forze per creare la nuova collezione dell'iconica edizione limitata Evian ". Eppure, stavolta, se c'è qualcuno che sbaglia non è certo la Ferragni , ma chi si scaglia contro di lei.

"Le prove non sono scomparse, sono le stesse raccolte nel 2009 e sono ancora in nostro possesso".

Dello stesso tenore il comunicato della Juventus. I due hanno avuto una relazione di 11 mesi. Cristiano Ronaldo seguì semplicemente i suoi consiglieri per mettere fine alle accuse oltraggiose mosse contro di lui e per evitare tentativi, come quelli a cui stiamo assistendo, di distruggere la sua reputazione.

Share