Reddito di Cittadinanza e Fornero già dal 2019

Share

La quota 100 è un meccanismo per l'accesso alla pensione che si basa sulla somma tra l'età anagrafico e gli anni di contribuzione. Con l'attuazione di questa riforma, messa nella legge di bilancio 2019 ed il cui inizio è previsto proprio con l'arrivo dell'anno nuovo, i lavoratori italiani avranno la possibilità di andare in pensione anche con 5 anni di anticipo rispetto a quanto previsto dalla riforma attualmente vigente: è infatti previsto che il tetto minimo di età pensionabile siano i 62 anni (il massimo sono i 64) contro i 67 previsti fino ad oggi. "I lavoratori (anziani per modo di dire) in uscita saranno comunque in numero maggiore dei giovani in entrata, per banali ragioni demografiche". Le principali misure saranno il reddito e la pensione di cittadinanza, a partire da aprile, e la cosiddetta "quota 100" per anticipare il ritiro dal lavoro. "Chi ha responsabilità di governo ha il dovere etico di spiegare come intende affrontare il fenomeno descritto, sia ai colleghi che rimarranno al lavoro in condizioni organizzative sempre più precarie, sia ai cittadini che hanno diritto a cure tempestive, di qualità e sicure".

Legge Fornero cos'è? Per capire l'importanza che hanno le pensioni Quota 100 per tantissimi lavoratori, dobbiamo necessariamente fare un passo indietro e tornare al 2011 e al governo Monti. Contiamo che una volta che il programma di politica economica del Governo sarà approvato dal Parlamento, si dissolva l'incertezza che ha gravato sul mercato dei titoli di Stato negli ultimi mesi. Restano invece invariati i requisiti per le pensioni di vecchiaia (66 anni e 7 mesi con almeno 20 anni di contributi) e anticipata (qualsiasi età con almeno 42 anni e 10 mesi di contributi). Con quota 41, la soglia si abbasserebbe a 41 anni di contributi per tutti, a prescindere dall'età. Se cosi' fosse, quota 100 partirebbe da aprile 2019 e non da gennaio. Ciò darebbe il la ad un ricambio generazionale senza precedenti: tra docenti, Ata e dirigenti scolastici vi sarebbero 200 mila dipendenti delle nostre scuole pubbliche da sostituire. Secondo fonti parlamentari, le risoluzioni potrebbero essere votate lo stesso giorno in entrambi i rami del Parlamento già giovedì prossimo. Lo scopo del Governo è quello di fissare dei paletti per evitare l'aumento della spesa pubblica (sono stati ipotizzati 8 miliari di euro per introdurre Quota 100). Ossia si potrà uscire dal lavoro con 62 anni d'età più 38 di contributi.

La Ferragni e l’acqua da 8 euro: è polemica
" Evian e Chiara Ferragni uniscono le forze per creare la nuova collezione dell'iconica edizione limitata Evian ". Eppure, stavolta, se c'è qualcuno che sbaglia non è certo la Ferragni , ma chi si scaglia contro di lei.

La logica della quta pensioni la spiega il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon (Lega), "chi andrà in pensione con quota 100 non subirà alcuna penalizzazione".

Share