Piazza Affari -2,2%, spread a 304 punti

Share

Il Ftse Mib cede il 2,2% affossato dallo spread, che tratta a 305 punti base, con il rendimento dei Btp decennali schizzato al 3,57%.

Il rendimento del titolo italiano a dieci anni si è attestato intorno al 3,56%, segnando nuovi massimi da marzo 2014. Il differenziale tra Btp e Bund passa di mano a 310 punti, contro i 297 punti della chiusura di ieri e i 303 dell'apertura di stamani.

Ue, Juncker: "Ostacolare la marcia dei populisti limitati e dei nazionalisti stupidi"
"Opero un distinguo tra gli euroscettici, che hanno delle domande, ed i populisti limitati con i nazionalisti stupidi. Fra le vincitrici dei precedenti bandi Uia ci sono le italiane Bologna, Milano, Pozzuoli e Torino.

Tornando a Piazza Affari, in un listino quasi tutto in rosso resistono Italgas, Snam e Terna appena sopra la parita'. Il risultato è il calo del 3,89% di Tokyo e gli scivoloni non inferiori di Hong Kong (-3,79%) e dei listini cinesi Shanghai e Shenzhen (-4,91% e -5,96%), tutti a sedute ancora aperte. Tonfo per Carige che crolla dopo il declassamento di Fitch (che ieri ha abbassato il rating di Banca Carige a CCC+ con outlook negativo), prima non riesce a fare prezzo poi entra in contrattazione ed e' in calo dell'8%. Nell'energia Saipem fa -2,49% e Eni -0,66% (sui mercati internazionali in giornata sono prevalse le vendite sul petrolio).

Wall Street crolla. Il Dow Jones chiude perdendo il 3,10% a 25.612,13 punti, il Nasdaq cede il 4,08% a 7.422,05 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno il 3,27% a 2.786,22 punti. Il timore per i rialzi crescenti dei rendimenti dei Treasury americani e la prospettiva di un nuovo aumento dei tassi di interesse negli Usa sta spaventando gli investitori, che iniziano a riposizionarsi.

Share